Gennaio-Marzo 2005

 

Scoop: Gilera Nexus 500
22/03/06 - Ancora uno scoop grazie agli amici del Nexus Club! Le prime immagini on the road del nuovo Nexus 500, beccato a Viareggio in fase di collaudo.
Si notano i buchi lasciati dalla rimozione degli specchi retrovisori, che nella versione definitiva saranno coperti dai deflettori in stile Aprilia RSV. Specchi che passano al manubrio e che per aspetto estetico, a nostro avviso, fanno rimpiangere i precedenti. Si riduce il cupolino, che rimane regolabile su tre posizioni, forse seguendo le indicazioni dello stesso Nexus Club che ne ha realizzato uno fumé, molto grintoso.
Il manubrio pare effettivamente rialzato per un maggior comfort e controllo del mezzo alle basse velocità, abbinato al plexiglass corto però, rende lo scooter meno protettivo. Gli indicatori di direzione passano ai fianchi della carenatura, soluzione che ricorda il Derbi GP1. Cambia anche il faro posteriore, ora in plastica trasparente, così come le frecce.
Ciclisticamente si notano i cerchi di colore nero, mentre il resto sembrerebbe invariato, anche se si vocifera di un retrotreno più basso e un ammortizzatore più morbido.
Non si sa nulla di eventuali modifiche al propulsore, di sicuro sarà Euro 3, per il resto vedremo. E lo vedremo presto visto che la presentazione alla stampa sembra imminente.
Se in Piaggio si è cercato di rendere il Nexus meno estremo e più confortevole, non allo stesso modo sembrano pensarla i designer del Nexus Club con la proposta d'ispirazione Ducati che che vedete sotto.

 

Scoop: Gilera Nexus 250
15/03/06 - Ancora uno scoop sulla gamma Nexus, dopo il prototipo da 850cc, ecco la prima immagine del modello 250cc che dovrebbe essere commercializzato in primavera.
Crediamo proprio che sia un'immagine autentica, soprattutto per la cura del dettaglio e alcune finezze come il nuovo logo Gilera sul frontale.
Base di partenza ciclistica per questo nuovo scooter sportivo sembra essere il recente Runner 125/200, di cui condivide anche buona parte della carrozzeria. Prevalentemente concentrati nel frontale i richiami al Nexus 500cc, pur con aggiornamenti estetici che lo rendono ancora più aggressivo. Un plexiglass più compatto, deflettori laterali e indicatori di direzione incorporati nel fianco con gli specchi retrovisori che passano al manubrio. Un cocktail estetico che sembra azzeccato, tanto da rischiare di mettere in ombra il Runner appena lanciato.
Ciclisticamente si nota un retrotreno tradizionale con doppio ammortizzatore, quindi senza l'esclusivo sistema regolabile Power Drive, mentre davanti troviamo una forcella a perno trascinato, differente sia dal 500 che dal Runner (probabilmente di derivazione Piaggio X8). Sistema frenante con due dischi ad azionamento tradizionale.
Il motore dovrebbe essere il Quasar 250 ad iniezione elettronica (Euro 3), già testato con soddisfazione sulla Vespa GTS.
Non sappiamo se alcuni degli interventi estetici saranno riportati sul modello di maggior cilindrata, ma la cosa sembra piuttosto probabile, senza perdere, immaginiamo, le esclusività ciclistiche che lo rendono unico nel panorama scooteristico.
In attesa di riscontri ufficiali, il nostro ringraziamento va agli amici del Nexus Club che hanno scovato in rete questa succosa anteprima, segnalandocela.

 

 

 

 

26 Marzo: 1 Scooter Raduno di Primavera
14/03/06 – Il 26 marzo 2006 ci sarà la prima uscita ufficiale del Cremona Scooter Club.  Sarà anche l'occasione per incontrare gli amici del Centoallora Scooter Club di Mestre, Du Rod e na Furzeina di Piacenza, MotoScooteremo di Modena/Reggio Emilia e Scooter2Smile di Milano per festeggiare insieme il gemellaggio dei vari club. Partecipate numerosi, iscritti e non! Le adesioni ci devono essere comunicate entro il 15 Marzo per la prenotazione del ristorante. Grazie a tutti quelli che vorranno partecipare!
Programma Provvisorio
- Partenza ore 8.20 dal Bar Sangiorgio di Cremona (ritrovo ore 8.10). Troveremo gli Amici di Du Rod e na Furzeina in arrivo da Piacenza ed eventualmente altri in arrivo da Bergamo o Milano, all'uscita di Cremona dell'autostrada A21(in direzione Mantova) alle ore 8.30.
- A Mantova incontreremo gli amici del Centoallora Scooter Club di Mestre, Quelli della Mala e quelli del Motoscooteremo. Ritrovo alle ore 10 all'uscita dell'autostrada di Mantova Nord.
Programma della giornata:
- Alternativa 1: giro in battello sul lago di Mantova
- Alternativa 2: visita della città (palazzo Ducale, piazza Sordelllo, Piazza delle Erbe)
Gli scooter verranno parcheggiati sul lungolago che si trova a poca distanza dall'imbarcadero e dal centro città.
- Ore 12.30 - 13.00 Partenza per l'Agriturismo Corte Bellaria a Volta Mantovana. Pranzo (e Moto GP).
- Ore 15.00 Visita al Santuario di Santa Maria delle Grazie.
- Ore 15.30 / 16.00 Rientro. Il gruppo di Cremona rientrerà via Sabbioneta per una breve visita alla cittadina con passaggio sull'ultimo ponte in barche esistente in Italia.
Per ulteriori informazioni e prenotazioni consultate il sito:
www.cremonascooterclub.it


 

 

 

 

Albo ufficiale delle campagne di richiamo
09/03/06 – Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ospita sul proprio sito un albo aggiornato delle campagne di richiamo su "eventuali anomalie riconosciute dalle case costruttrici in base al D.D. 78/2000" di tutti i veicoli circolanti.
Abbiamo curiosato nella sezione scooter targati ed ecco cosa abbiamo trovato.
- Aprilia Sr 125/150
Periodo di produzione: da anno 2001 a anno 2001
Descrizione Difetto: possibile malfunzionamento impianto frenante anteriore
Azioni correttive: sostituzione liquido freni e spurgo dell''impianto
- Aprilia Sport City 125/200
Periodo di produzione: maggio 2004 aprile 2005
Descrizione Difetto:: Gommino cavo gas difettoso
Azioni correttive: Ingrassaggio registro cavo gas ed inserimento fascetta a strappo
- Gilera Runner modello non indicato
Periodo di produzione: non indicato
Descrizione Difetto: possibile rischio di cedimento dello stelo della forcella anteriore
Azioni correttive: controllo ed eventuale sostituzione
- Italjet Jupiter 125/150/250
Periodo di produzione: da 26/04/01 a 29/06/01
Descrizione Difetto: lavorazione fuori tolleranza del tubo di sterzo della forcella anteriore (percentuale minima ma non identificabile).
Azioni correttive: sostituzione piastra forcella.
- Kymco People 250
Periodo di produzione: da gennaio 2003 a maggio 2003
Descrizione Difetto: possibile innesco di vibrazioni del parabrezza con rotture e ripercussioni sulla stabilità del manubrio
Azioni correttive: sostituzione degli steli della forcella anteriore e del parafango anteriore
- Piaggio Beverly 500
Periodo di produzione: da 14.11.2002 a 9.4.2003
Descrizione Difetto: possibile non conformità del sistema attacco smorzamento motore
Azioni correttive: verifica saldatura ed eventuale aggiunta di un kit di miglioramento
- Piaggio Diesis 100
Periodo di produzione: da non indicato a non indicato
Descrizione Difetto: possibile mancanza di tratti di saldatura nella zona di collegamento dei due tubi del manubrio.
Azioni correttive: controllo ed eventuale sostituzione.
- Piaggio X9 500
Periodo di produzione: dall'origine a ------------------
Descrizione Difetto: possibile anomalo deterioramento del pneumatico posteriore.
Azioni correttive: eventuale sostituzione.
- Vespa Et4 151
Periodo di produzione: febbraio 2002 febbraio 2004
Descrizione Difetto: Possibile non conformità valvola gas carburatore
Azioni correttive: Verifica ed eventuale sostituzione
- Suzuki Burgman Uh125/150
Periodo di produzione: anni 2002/2005
Descrizione Difetto: Pompa carburante difettosa
Azioni correttive: Sostituzione
- Suzuki Burgman An 250/400/650
Periodo di produzione: anni 2002/2004
Descrizione Difetto: Blocchetto avviamento causante malfunzionamento impianto illuminazione e/o spegnimento motore
Azioni correttive: Controllo e sostituzione
Yamaha Majesty Yp125/150/180
Periodo di produzione: NON INDICATO
Descrizione Difetto: Possibili micro fratture condotto interno tubo freno anteriore
Azioni correttive: Applicazione Kit modifica
- Yamaha Majesty Yp250a Abs
Periodo di produzione: da agosto 1998 a gennaio 2000
Descrizione Difetto: possibile inadeguato funzionamento dell''unita'' idraulica e della pompa freno posteriore
Azioni correttive: sostituzione dell''unita'' idraulica e della pompa freno posteriore

Ulteriori informazioni e aggiornamenti alla pagina dedicata sul sito: www.infrastrutturetrasporti.it

 

 

 

 

Acabion: più veloce di una Formula Uno!
07/03/06"Se le carrozze coi cavalli vengono definite come la prima generazione dei mezzi di trasporto e le automobili come la seconda, allora la sfida posta allo sviluppo di Acabion, dopo più di 100 anni di tradizione automobilistica, è quella di aprire la strada alla terza generazione della mobilità individuale dell’uomo."
Si apre così il comunicato stampa di questo progetto fra i più 'folli' che ci sia capitato di vedere. È stato presentato al recente Salone dell'Auto di Ginevra, ma non è difficile farlo rientrare in quel filone di motoveicoli 'chiusi' di cui ci stiamo occupando ultimamente. Del resto il propulsore è motociclistico, per la precisione della Suzuki Hayabusa 1300, con tanto di turbocompressore per potenze da 263 a 514 kW ed una coppia massima da 300 a 490Nm!! Il cambio è un sei marce sequenziale con controllo elettronico, mentre il telaio è un mix di tubi in acciaio e fibra di carbonio. La carrozzeria, che prende evidenti 'spunti' dal mondo aeronautico, può ospitare due persone con un vano bagagli da 150litri. Un sofisticato computer di bordo sovrintende a molte funzioni, fino ad una gestione automatica dei tragitti a lunga distanza. Il tutto pesa da 300 a 359kg e mixato con la potenza devastante del motore consente velocità ed accelerazioni superiori anche a quelle di una Formula Uno. Si parla di velocità superiori ai 600km/h, autolimitata però a soli 450km/h. Altro valore impressionante è quello relativo all'accelerazione 0-450km/h, che richiede da 40 a 19 secondi, a seconda della versione!!
A questo punto si penserà a consumi ed inquinamento esorbitanti, invece l'Azienda svizzero-tedesca dichiara 20km/lit a 100km/h, 16,6km/lit a 200km/h e 6,25km/lit a 450km/h! Non manca neppure un propulsore elettrico per gli spostamenti a basse velocità e i blocchi del traffico... quello che manca è forse il luogo dove guidarla, a meno di fare avanti e indietro sul lago salato di Bonneville!

 

 

 

 

Myers Motors: 3 ruote elettrico da 35.000 $
23/02/06 – Ritorniamo a parlare di veicoli totalmente coperti, presentando Myers Motors NmG (No more Gas) 1.0.
È un tre ruote con propulsore elettrico, che dichiara la rispettabile velocità massima di 70 mph (circa 113km/h) con un'autonomia da 20 a 40 miglia (32-64km). Utilizza un cambio a variazione continua dotato di retromarcia, ospita un solo passeggero e un discreto numero di bagagli, soprattutto calcolando che si guadagna lo spazio del casco e dell'antipioggia!
Non manca di comodità tipiche dell'auto come gli alzacristalli elettrici, il tergicristallo, l'autoradio ed il riscaldamento. Il veicolo si avvicina più alla staticità di un'autovettura che all'agilità di uno scooter e infatti si guida con il volante e le cinture di sicurezza, ma viene immatricolato come una motocicletta e non richiede l'uso del casco protettivo, anche se non siamo riusciti a trovare informazioni sui risultati di eventuali crash-test.
NmG è dotato di caricabatteria interno, quindi basta collegarlo ad una presa di corrente e dopo 4/6 ore a 110 volt o 2/3 ore a 220 volt è pronto per un altro giro, con una spesa irrisoria. Viene considerato un veicolo ad emissioni zero e in ambito locale è abbastanza vero, a livello globale invece il discorso cambia a seconda del metodo usato per produrre l'energia utilizzata.
È commercializzato negli Stati Uniti dall'autunno 2005, ma non si tratta di una vera e propria novità visto che il progetto originario, denominato Sparrow, si deve al 'genio' di Mike Corbin (famoso soprattutto per carenature, selle e accessori custom), autore del record mondiale di velocità 1974 per veicoli elettrici, sul lago Bonneville, con 165,367mph!
Dal primo prototipo del 1996 fino al 2003 ne sono stati però venduti solo 355 pezzi e nonostante un prezzo medio di ben 14.000 dollari, l'Azienda ha chiuso per fallimento.
Anche CyberScooter ne ha mostrato un esemplare nello speciale Intermot 2000.
Rilevato nel 2004 da Myers Motor, il veicolo è stato completamente re-ingenierizzato, mantenendo la simpatica carrozzeria, e rilanciata la produzione, facendo lievitare il prezzo a circa 35.000 dollari (ma per 19.900 se ne trovano usati revisionati)!!
Se nonostante tutto No More Gas v'incuriosisce, trovate QUI il diario di bordo di un felice proprietario, QUI un'intervista del 1998 a Tom Corbin e in QUESTA pagina foto ed informazioni sull'esemplare n°01/2006.

 

 

 

CONFISCA MOTOCICLI: ROSATO E PASETTO, ABROGARE LEGGE LUNARDI
21/02/06 – Vi trasmettiamo il comunicato stampa della Margherita relativo all'accettazione della richiesta di abrogazione delle norme sulla confisca delle moto (ex L. 168/05), avanzata dalla sezione Nord Est del Coordinamento Motociclisti all'onorevole Ettore Rosato, candidato Sindaco di Trieste.
"CONFISCA MOTOCICLI: ROSATO E PASETTO, ABROGARE LEGGE LUNARDI
Dichiarazione degli on.li della Margherita Ettore Rosato e Giorgio Pasetto
La Margherita ha accolto la richiesta del Coordinamento motociclisti nazionale che punta all'abrogazione della legge 168/05 sulla confisca dei mezzi a due ruote. In questi ultimi mesi, automobilisti e motociclisti hanno vissuto nella più totale incertezza legislativa provocata da tanti e confusi provvedimenti licenziati dal ministro Lunardi. Questi impongono al futuro governo di riportare certezza nelle norme senza penalizzare ingiustamente e minacciare con confische i sempre più numerosi cittadini che utilizzano i mezzi a due ruote per i propri spostamenti quotidiani. La Margherita è impegnata a proporre a tutta l'Unione di superare nei primi venti giorni
della legislatura le norme Lunardi sulla confisca dei motocicli".
"Quella che gli utenti delle due ruote definiscono legge "speciale" contro i motociclisti ha già prodotto qualcosa come diecimila confische per un valore di 50 milioni di euro per semplici infrazioni al Codice della strada. E' una legge ingiusta e il futuro governo di centrosinistra ha il dovere di abrogarla.
Roma, 14 febbraio 2006"

Si tratta di un primo passo che ci auguriamo porti anche gli altri partiti a prendere una seria e definitiva posizione sulla "legge speciale" contro i motociclisti.
Trieste è la città con la più elevata densità di mezzi a due ruote del mondo occidentale: oltre centomila su una popolazione di 230.000 abitanti, uno per famiglia. Contro l’infame legge sulla confisca, il 30 settembre scorso circa 10.000 persone, in moto ed in motorino, hanno percorso in corteo le vie della città giuliana.
Coordinamento Motociclisti sez. Nord-Est,
il presidente Manlio Giona

COORDINAMENTO MOTOCICLISTI
Sezione Nord Est Trieste
Via della Tesa 63 34100 Trieste
Tel e Fax 040/398010
Cell 348 6439337

 

 

 

Peugeot Geopolis vince l'Award 2005 della MDA
16/02/06Peugeot Geopolis vince l'Award 2005 della Motorcycle Design Association per la sezione scooter, mentre una menzione speciale va allo Yamaha Vox. Lo scooter francese, un elegante 'ruote alte' con cilindrata da 125 a 500cc, è stato presentato quest'autunno al Salone di Parigi e sarà commercializzato a fine 2006. Il compatto, ma spazioso nipponico, è invece un prototipo visto al Salone di Tokyo.
Il concorso valuta gli aspetti del design e la giuria è costituita da una settantina fra i più importanti designer internazionali del settore motociclistico. I fondatori di Motorcycle Design Association, Francois-Marie Dumas (padre dello Yamaha Tmax, tanto per citare un modello a caso...) e Glynn Kerr (autore fra gli altri dell'MBK Booster e del TDM Yamaha) hanno lanciato il concorso nel 2001 per poi replicarlo ogni anno, facendolo diventare un riconoscimento sempre più autorevole.
I modelli premiati negli anni precedenti, sono stati: Derby GP1, Gilera Nexus, Peugeot Jet Force e Gilera Ice.

 

 

 

SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER LA BIKERS BOAT 2006!!!!!
09/02/06 – Programma Biker’s Boat il 5/7 Maggio e/o 19/21 Maggio 2006
VENERDI'
Ritrovo dei Partecipanti alle ore 18,30 al porto di Savona Vado. Consegna dei biglietti e imbarco. Dalle ore 20,00 alle ore 22,30 cena al self service.
Durante il viaggio Vi aspettiamo allo stand dell’associazione per fare la Vostra conoscenza e per la consegna e eventuale discussione dei vari itinerari da poter fare sull’isola.
SABATO
Prima colazione dalle ore 6,00 alle ore 7,30 e sbarco entro le ore 7,00
Giornata libera per le spiagge e le strade Corse. Rientro sulla nave per le ore 18,30. Cena servita al tavolo dalle ore 20,30 nei posti riservati al CM.
La serata prosegue al Piano Bar Principale e in Discoteca con Divertimenti Vari. Possibilità di poter sbarcare... a piedi.
DOMENICA
Prima colazione fino alle ore 9,00. Possibilità di sbarco a piedi. Rientro a bordo entro le ore 11,00. Pranzo libero
La nave parte alle 12,00 e entro le ore 11,00 devono essere tutti a bordo.
Ore 14,30 al Piano Bar Principale Dibattito con il COORDINAMENTO MOTOCICLISTI
Ore 15,30 Grande Lotteria con ricchi premi e divertimento assicurato
PER INFORMAZIONI
Mercoledì ore 22 – The Renegade Country Beer House – Moncalieri - TO
Mauro A.: 333.2664889 – Davide 636: 349.5144525
Bellijè Viaggi e Vacanze Via Valobra 180 Carmagnola –TO  011.9727799 - bellije@iol.it
www.cmnordovest.com

 

 

 

AIRBOARD: The Levitating Hover Scooter
02/02/06 – È un mix fra un Segway ed un Hovercraft, come il primo si guida bilanciando il peso del corpo e come il secondo viaggia sollevato da terra di circa 15 centimetri grazie al cuscino d'aria prodotto dal propulsore a 4 tempi in grado di spingerlo fino a 25km/h.
Inventato dall'australiano Kevin Inkster, che confessa di essersi ispirato al film 'Ritorno al futuro', è prodotto da Arboartech Industries con sede a Perth e distribuito anche in Europa dall'olandese Hover1.
Pur se denominato 'scooter', con un diametro di 160cm non è certo l'ideale per destreggiarsi nel traffico, anzi, ma destinato al divertimento, magari in spazi apposite. Può viaggiare su qualunque superficie solida (quindi non sull'acqua) riuscendo a superare pendenze del 5% e ostacoli di 4cm. Pesa circa 100kg e ha un'autonomia di un'ora con 5 litri di benzina senza piombo.
Presentato per la prima volta alle Olimpiadi di Sidney, è stato ospite del Gran Premio di Spagna 2003 della MotoGP, chissà se ha coinvolto i piloti in qualche sfida e chi l'ha spuntata.
Se volte vederlo in azione potete scaricare dei video QUI, e se vi piace potete anche ordinarlo QUI, alla 'modica' cifra di 14.500 dollari!

 

 

 

Da Londra: Teca Concept Vehicle
02/02/06 – Tempo fa un lettore ci chiedeva come mai non esistono scooter completamente coperti, i motivi sono numerosi, almeno quanto i tentativi. Quello che vedete in foto si chiama Teca Concept Vehicle ed è un prototipo del designer Andrew James Lee per lo studio TecaTech di Londra.
Il progetto risale al 2000, e come si vede aveva raggiunto un livello di sviluppo piuttosto avanzato, ma anche in questo caso non si è passati alla produzione.
La base di partenza è sicuramente una moto di media cilindrata, come s'intuisce dalla ruota anteriore e il risultato estetico è tutto sommato piacevole. Quello che stupisce maggiormente è la posizione di guida protesa in avanti, con le gambe arretrate che si intravedono fuoriuscire dalla carenatura. Un escamotage per ridurre l'area frontale, favorendo la penetrazione aerodinamica e al tempo stesso permettere l'equilibrio del veicolo una vota fermo.
Certo è che non dà l'impressione di grande comodità.
In compenso la protezione dalle intemperie è totale (piedi a parte) e secondo le indicazioni del progettista, la carenatura in fibra di carbonio a nido d'ape è sufficientemente robusta da riparare il pilota anche in caso d'incidente. Per questo motivo non era previsto abbigliamento protettivo e neppure il casco, ma le cinture di sicurezza si, un po' come accade nella BMW C1.
Al posto di guida si accedeva sollevando la parte posteriore, dove era anche possibile stivare un minimo di bagaglio.
Peccato che non sia più attivo il sito originale da cui attingere ulteriori informazioni, ma chi volesse può sempre contattare il progettista o TecaTech.

 

 

 

IN MOSTRA: LA MOTOCICLETTA ITALIANA
31/01/06 – Un secolo su due ruote tra arte, storia e sport
27 ottobre 2005 - 12 marzo 2006
Alla Fondazione Antonio Mazzotta è in corsola prima grande mostra dedicata alla motocicletta italiana vista non come "oggetto", ma come "fenomeno" con tutte le sue implicazioni storiche, artistiche e sportive.
La rassegna, curata da Adalberto Falletta e Marco Riccardi, è realizzata in collaborazione con la rivista Motociclismo e il contributo di Pirelli ed espone circa 30 opere d’arte, 50 manifesti d’epoca, 30 motociclette, fotografie e documenti originali ed abbigliamenti storici.
Prima ancora della moda e del design, il settore dove l’Italia ha affermato una supremazia di innovazione tecnologica e bellezza di prodotto è stato probabilmente proprio quello della moto, al punto che sostenere oggi che le moto italiane sono le più belle al mondo, è, dopo un secolo di trionfi a vari livelli, un rassicurante luogo comune. La motocicletta italiana infatti per tutto il Ventesimo secolo si è imposta per numeri di marchi, produzione, qualità e capacità inventiva, trovando inoltre un suo riflesso popolare nei grandi campioni italiani dello sport, da Nuvolari, Ubbiali, Agostini fino a Biaggi e Rossi.
Questa mostra vuole così ripercorrere l’epopea delle due ruote italiane a motori per presentare le tappe salienti di questa storia di successi e ragionare sugli uomini che l’hanno realizzata e sui risultati di questa eccezionale situazione. Il percorso si snoda soprattutto attraverso i miti della meccanica e degli “eroi”, che si sono succeduti dall’inizio del secolo scorso fino ai giorni nostri, ma si costruisce anche sulla presenza costante e familiare delle due ruote nella vita quotidiana e nell’esperienza personale. La motocicletta è stata ed è tuttora protagonista di grandi performances dello sport italiano, non meno che fedele compagna nel lavoro e nelle vacanze degli italiani.
Foro Buonaparte, 50 (Mi)
Orari: dalle 10.00 alle 19.30 mart. e giov. dalle 10.00 alle 22.30 lun. chiuso
Ingresso: intero Euro 8,00; ridotti Euro 5,50/4,50
Per informazioni tel. 02.878197, fax 02.8693046, www.mazzotta.it; informazioni@mazzotta.it

 

 

 

ACEM 2ND ANNUAL CONFERENCE øMOTORCYCLES & SOCIETYÓ
26/01/06For the second consecutive year, ACEM organised in November a conference entitled “Motorcycles & Society”.
It is clear from the mix of the audience and feedback received that many other stakeholders - and not only European partners - were interested to know more about Powered Two Wheeler (PTW) integration and the positive initiatives that have seen the light in other countries.
Motorcycling is about commuting, travelling the world differently, helping people who urgently need assistance, and about exciting sporting events. But for now, in Europe, it is above all about congestion and mobility. PTW daily users are convinced - and so is the Motorcycle Industry - that PTWs play a major role in reducing congestion and related costs, and should be integrated into future transport schemes.
But, PTW converts are not the only ones to share such convictions and some authorities have already decided to look at PTWs from a different perspective. This year’s Conference highlighted London’s approach to mobility and PTW safety. Bernie Hewing (1) came to Brussels to share what had been done for motorcycling recently and explained future actions which would enable the motorcyclist to play a more effective role in London’s transport.
- London promotes PTWs and improves safety
In recent years, while London has experienced a strong economy and growth, motorcycling has grown dramatically from about 62,000 motorcycles owned by Londoners in 1995 to over 100,000 today. Professor Andrea Beretta Zanoni (2) explains this evolution with the concept of mobility which has been changing over the years. People’s current needs require more mobility with the obvious impact on traffic congestion and the search for a practical alternative to cars.
However, as the numbers of motorcyclists grew in London the number of crashes and casualties also rose. To reverse this trend and reinforce the role of PTWs in London’s transport, specific targets for reducing motorcycling casualties were fi xed.
Analysis of the data showed that many of the accidents involved cars and lorries crossing the path of the motorcyclist. Changing the behaviour of car drivers became as important as educating motorcyclists how to avoid crashes.
To this end, Transport for London (TfL) commissioned an innovative series of advertisements showing simulated crashes as a way of bringing drivers’ attention to the problem of “not seeing” the motorcyclist (3). At the same time, the assessment programme ‘Bikesafe’ was introduced, in which qualifi ed police riders assess motorcyclists on roads and advise them how to ride more safely. In addition, pilot schemes are currently running with motorcycles sharing some bus lanes and advanced stop lines that had been initially introduced for cyclists. These initiatives should produce positive results in 2006.
- Motorcycle casualties in London: -30%
As a result of the safety measures introduced, the number of killed and seriously injured motorcyclists in London fell from 1286 in 2001 to 895 in 2004 (-30%). An impressive result which has recently been awarded as part of the innovative approach to motorcycle safety implemented by the UK Department for Transport (4) (DfT).
Looking ahead safety remains an important issue for London’s transport and highway authorities as they consider the role of motorcycling, as it is for the whole Motorcycle Industry. At European level, ACEM’s Plan for Action was the fi rst integrated approach to PTW safety resulting from the thorough analysis of the MAIDS results (5). A new Safety Structure Working Group was introduced into the ACEM organisation to support the implementation of this Plan for Action, involving preventive, active and passive safety.
- Motorcycles and scooters, environmentally friendly products
PTWs clearly provide mobility advantages: shorter journeys, small size, efficient manoeuvring. They also make an optimal use of the existing infrastructure, and contrary to recent inaccurate comments from offi cial sources6, they compare favourably to other vehicles on many environmental parameters.
Today’s motorcycles and scooters have reduced their level of polluting emissions to almost the same level as passenger cars (7), although the reduced emission process started later for PTWs (8). Euro 3 PTWs have reduced carbon monoxide and hydrocarbon emissions by 94%, and nitrogen emissions by 50% from 1999 levels. The total of the 3 pollutants is even lower in the case of motorcycles only.
The reduced emissions process has moreover been supported by a series of important innovations: 2- way oxidation catalyst, secondary air injection, 3-way catalyst with oxygen sensor control, electronic engine management, and fuel injection. In fact, in the middle term (2012), PTW exhaust emissions projections show a good and very often better trend compared to the overall emissions of all road transport (9).
- Equal treatment and respect with other modes of transport
As an affordable alternative to cars, motorcycles and scooters contribute to a widening access to education and employment opportunities where public transport is limited. Enhancing social integration, they can ensure independence and mobility to all.
Statistics show that there has been a signifi cant increase in the European motorcycles circulating parc: up 41% in the last fi ve years. UK detailed statistics go even further showing that the kilometres travelled on Powered Two Wheelers have increased by 49% over the last decade while all other means of transport have increased by only 15%. Indeed, motorcycles and scooters help to increase both working and leisure time, which therefore leads to a better quality of life.
However, most transport policies do not yet have PTWs fully integrated. Policy makers are very often unaware of PTWs real advantages in terms of mobility and, as a result, motorcycles, scooters and mopeds are very often completely forgotten whenever referring to mobility issues.
Fortunately, successful experiences in some major European cities like London, Rome, Florence and Madrid provide local, national and European authorities with new, positive, perspectives.
Homogenous data, objective analysis and harmonised approaches are much needed at a time where mobility plays such an economic role.
The Powered Two Wheeler sector is only asking for equal treatment and respect with other transport modes. The revision of the White Paper on Transport Policies and the Mid-term review of the Road Safety Action Programme will hopefully devote more attention to Powered Two Wheelers.
1. Strategy Manager, Traffi c and Highway - Transport for London - Surface Transport
2. Milan Bicocca University Business Economics and Strategic Management
3. An example of such advertisement is available on http://www.acembike.org/motorcycles&society/Links&download.html
4. UK National Motorcycle Strategy on http://www.acembike.org/html/docs/UKNationalMotorcycleStrategy.pdf
5. Motorcycle Accident In Depth Study – http://maids.acembike.org/
6. Paris’ authorities planned to ban PTWs from certain areas explaining that they were polluting up to 122 times more than cars. (see ACEM Info 4)
7. Today, a comparison between PTW and car emissions performances clearly indicates that Euro 3 PTW emissions are comparable to Euro 3 passenger car emissions.
8. The fi rst stage, Euro 1, was only introduced in 1999
9. The future PTW emissions on major pollutants were researched by an independent expert chosen by the Commission: the Laboratory of Applied Thermodynamics
(LAT) from the Aristotle University of Thessaloniki
Go to: http://www.acembike.org/

 

 

 

Trofeo Nazionale Maxi Scooter - 2006
20/01/06 – Si è chiusa con la gara del 27 novembre a Vallelunga la prima edizione del Trofeo Nazionale Maxi Scooter. Un’esperienza positiva che si ripeterà anche in questa stagione. Per il 2006 i contenuti del regolamento e le modalità di gestione rimarranno praticamente invariate.
Il calendario prevederà quattro gare nei principali autodromi Italiani di cui una si svolgerà presso l’autodromo di Magione (PG) in data 09.07.2005 in concomitanza con la “Coppa Italia” velocità.
Il trofeo è aperto a tutti gli scooter di cilindrata superiore a 100cc (2 e 4 tempi) ed è diviso in tre classi. Il regolamento tecnico non impone alcun kit e lascia alla libera interpretazione del pilota soltanto la trasmissione, gli ammortizzatori, la marmitta e le gomme nel rispetto della filosofia promozionale che lo anima.
Novità assoluta è l’introduzione della categoria Dragster studiata per tutti gli appassionati di elaborazioni che vogliano scendere in pista con il loro scooter purchè di cilindrata pari o superiore a 65cc. Il regolamento per questa categoria è praticamente libero anche se presenta giustamente alcuni punti fermi.
Durante le gare verranno premiati i primi tre di ogni categoria e saranno stilate classifiche separate. Possono partecipare piloti di sesso maschile e femminile di età compresa tra 14 e 55 anni.
Per tutte le informazioni del caso potete contattare il promotore al nr. 339/2051434 o visitare il sito www.trofeomaxiscooter.it.

 

 

 

Un sorriso per un sorriso
16/01/06Silver Wing Club Italia per il Sociale
Ci siamo fatti promotori di un'iniziativa poco seria per uno scopo molto serio.
L'acquisto del calendario contribuirà alla raccolta di fondi per un versamento ad un'associazione con finalità benefica.
L'offerta minima parte da 3 euro (copertura produzione calendario e spese spedizione).
Il calendario è composto da 13 cartoline formato 10 x 15 (12 mesi + copertina) che vi arriveranno per posta o consegnati a mano , ove è possibile.
A fine Gennaio il ricavato sarà devoluto all'organizzazione benefica e pubblicata la ricevuta del versamento sul nostro sito.
Il progetto si chiama "un sorriso per un sorriso" per il semplice fatto che noi ci siamo divertiti a fare questa esperienza, con la speranza di far sorridere Voi che con le vostre offerte , magari, contribuirete a far sbocciare tanti altri sorrisi.
Aiutaci a pubblicizzarlo (tanto la faccia e non solo ce la mettiamo noi !!!)
Chiunque fosse interessato all'iniziativa ci contatti per email e avrà tutte le informazioni o ulteriori chiarimenti per l'adesione.
Felice 2006 a Tutti
Il Coordinamento del Silver Wing Club Italia

 

 

 

A VIESTE il 1 Moto-Scooter Day
12/01/06 – Il Motoclub GARGANO, l'8 dicembre scorso ha organizzato, quale regalo di Natale per la città di Vieste (FG): lo Scooter day.
La mattina i centauri garganici, assieme ai ragazzi delle scuole superiori di Vieste a bordo dei loro scooter, dopo essersi radunati a Piazzetta di Marina Piccola si sono diretti verso il Santuario di S. Maria di Merino ove il parroco ha celebrato la messa, provvedendo poi alla benedizione dei mezzi.
La sera il Motoclub ha organizzato una festa di piazza, invitando gruppi folk, zampognari e dj ad animare l'affollatissima piazza di Vieste.
Nell'occasione i soci hanno distribuito dolci tipici antalizi e vin brulè a tutti i presenti.
La serata è stata impreziosita dalla solita partecipazione fattiva dell'emittente radiofonica Onda Radio, che ha inviato i propri speakers ad animare la festa ed a promuovere gli spot realizzati sinergicamente col motoclub in tema di sicurezza stradale.
Lo Scooterday, evento realizzato per sensibilizzare i giovani ad un utilizzo responsabile dei mezzi a 2 ruote, si colloca all'interno del "progetto sicurezza 2005/2006" che vede il Motoclub Gargano impegnato fattivamente nella realizzazione di convegni nelle scuole, concorsi a premi, trasmissioni/spot radiofonici, e campagne di sensibilizzazione che hanno coinvolto i media a livello nazionale, sempre in materia di sicurezza stradale.

 

 

 

4 prova Trofeo Nazionale Maxi Scooter
10/01/06 – Si œ svolta a Vallelunga la quarta ed ultima prova della prima edizione del Trofeo Nazionale Maxi Scooter.
Un week-end caratterizzato da impervie condizioni meteo che hanno trasformato il circuito romano in un mare in tempesta per tutto il venerd– e buona parete del sabato mattina. Fortunatamente la gara si œ svolta senza pioggia ma con asfalto umido.
Da segnalare unennesima new-entry, il pilota di Cattolica GABELLINI P. in sella ad un runner 180cc che distintosi nelle prove cronometrate con il tempo 220Ó188 guadagnava la terza posizione in griglia. Mario Savoca Corona in sella al suo t-max dellRDM Team di Roma riusciva con grande impegno a conquistare la pole-position con il tempo di 217Ó981 davanti a Di Cosmo Rocco del Team Vecchio Rance. Completano la griglia Fiorini Davide, Pratali Matteo in sella al suo zip 180cc (secondo miglior tempo della categoria dragster), Beraldo Emanuele in sella al suo Honda Silver Wing del team Argiolas di Trieste, Cavallini Francesco e Grechi Gabriele.
La gara, sulla distanza di 6 giri svolti sul tracciato lungo del circuito, ha visto scattare dal via Gabellini, Savoca e Di Cosmo seguiti dal gruppo. I primi giri sono stati i pi¦ emozionanti. I maxi gommati Bridgeston stradali hanno dato vita ad uno spettacolo entusiasmante considerando la ridotta esperienza sul bagnato. E stato meraviglioso vedere i maxi alle prese con un fondo cos– difficile da interpretare e soprattutto œ stata memorabile la rimonta di Beraldo E. con il suo Silver Wing che dalla sesta posizione in griglia œ rimontato fino alla seconda posizione facendo segnare un fantastico 236Ó405 che gli œ valso lonore del giro veloce (e con gomme stradali!!!).
Al traguardo transitano Gabellini in prima posizione, Beraldo in seconda, Savoca in terza. Degna di essere citata la grande prestazione di Cavallini Francesco con il zip 180cc della categoria Dragster che giunto quarto ha comunque dato prova di grande abilitù di guida considerando che ha spremuto il suo mezzo sparandolo ad oltre 150 km/h alla staccata dei Cimini (e con ruote da 10Ó). Stesso elogio per Pratali Matteo quinto e Grechi Gabriele settimo. Di Cosmo Rocco che in questa prova tentava di recuperava i soli sette punti che lo separavano da Savoca dovrù rimandare al prossimo anno i sogni di gloria accontentandosi per ora del secondo posto di categoria. Fiorini Davide con il suo t-max del team Colaneri ha dimostrato una maturazione nella guida che tutti aspettavano da tempo segno che modificare limpostazione stradale di guida œ impegnativo ma non impossibile €bravo!!!!.
Per questa prima edizione œ tutto. Appuntamento al prossimo anno.
Per tutte le info www.trofeomaxiscooter.it.
Moto Club Racing Terni

 

 

 

COPYRIGHT CyberScooter, tutti i diritti riservati, per informazioni e contatti clicca QUI>>>