Gennaio-Marzo 2005 A


Invia i tuoi complimenti e/o lamentele su un prodotto (scooter automatico o moto automatica, entrambi di cilindrata superiore a 50cc, oppure abbigliamento o accessori dedicati agli stessi veicoli) acquistati in Italia e facendo riferimento ad aziende o esercizi commerciali presenti sul territorio italiano.

Registrati o loggati e segui le istruzioni da questa pagina:
LINK >>>

CyberScooter non si assume nessuna responsabilità sulla veridicità degli interventi che rimangono di esclusiva proprietà e responsabilità dell'autore in firma.

 

29/03/05 - Complimenti a Honda Moto Macchion
Spett.le redazione di CyberScooter, vi scrivo per segnalare la correttezza e la profossionalita' del concessionario Honda Moto Macchion di Legnano (MI).
A fine giugno del 2004 ho acquistato presso di loro uno scooter Honda Dylan 150, per il buon rapporto prezzo/prestazioni. Gia' dopo una settimana di utilizzo mi sono accorto che l'anteriore saltellava a velocita' tra i 40 e i 60 Km/h. Ho segnalato il fatto in occasione del primo tagliando (eseguito a fine luglio), e il responso del concessionario e' stato: gomma anteriore ovalizzata (una Dunlop). Siccome i suoi fornitori oramai non consegnavano piu', date le ferie imminenti, mi ha montato (ed equilibrato) provvisoriamente una gomma seminuova che aveva in caso, dicendomi di ritornare a settembre, allorquando il suo fornitore gli avesse consegnato la gomma nuova. Faccio notare che nonostante questo problema, il tagliando e' stato eseguito in giornata. Sono tornato dal concessionario a meta' settembre, un sabato mattina, e mi hanno montato ed equilibrato subito una gomma nuova. Il tutto si e' ovviamente svolto senza esborsi da parte mia. Complimenti per la serieta' dimostrata.
Roberto Soldi

24/03/05 - Piaggio Beverly 500: problemi alla frizione
Vi scrivo perchè alla fine di giugno del 2004 ho comprato presso la Concessionaria Motor Center srl della Spezia un Piaggio Beverly 500 che dopo pochi mesi ha cominciato a manifestare problemi alla trasmissione, precisamente forti rumori e forti vibrazioni in partenza con motore caldo, particolarmente in situazioni di veicoli in colonna nelle giornate più calde. Altri possessori di Beverly 500 mi hanno confermato che in condizioni analoghe si verificano fenomeni simili anche sui loro mezzi, ed inoltre ho letto su alcuni siti internet (commenti dei lettori su www.motorbox.com) che il problema sarebbe originato da una inadeguatezza della frizione montata sul Beverly 500 (di tipo a 3 masse), che negli ultimi modelli sarebbe stata sostituita con quella del nexus (di tipo a 5 masse).
Ho interpellato in merito il capo officina della concessionaria che verbalmente mi dice che il problema della frizione del Beverly è noto ma che non comporterebbe conseguenze gravi ed in ogni caso che la piaggio non riconosce interventi in granzia in quanto la frizione costituirebbe materiale di consumo. Ho infine provato a contattare il call center della piaggio che mi ha dato una risposta analoga.
Devo dire che tali risposte mi hanno lasciato alquanto perplesso, in primo luogo perchè non sono riuscito a sapere quale tipo di frizione è installata sul mio mezzo, ed in secondo luogo perchè non è certamente ipotizzabile che sia previsto che un componente meccanico fondamentale del motore quale la frizione possa avere una durata ed una affidabilità inferiore a quella di un pneumatico o di una guarnizione di gomma. Tali argomentazioni risultano lesive soprattutto dell'immagine e degli interessi della piaggio perchè non si può definire normale una situazione nella quale, in certe condizioni, il mezzo produce un rumore tale da richiamare l'attenzione dei passanti, il tutto dopo pochi mesi di utilizzo.
E' evidente che la piaggio, se ha ritenuto di sostituire la vecchia frizione installando sui nuovi modelli un tipo adeguato alla potenza del mezzo, non dovrebbe esimersi dall'intervenire sui modelli precedenti con la scusa di imputare i problemi che si sono manifestati ad un normale consumo della frizione in pochi mesi.
Del resto tale posizione risulterebbe contrastante con la normativa perchè è noto che l'art. 1519 - sexies del codice civile dispone che il venditore risponde dei difetti della cosa fino a 24 mesi dalla consegna e che i difetti che si sono manifestati entre 6 mesi dall'acquisto si presumono esistenti si dall'inizio.
Ringraziando dell'attenzione prestata, porgo cordiali saluti.
Federico Negri
31/03/05 - AGGIORNAMENTO
Vorrei segnalare che alcuni giorni dopo l'Officina, su istruzione della casa, è intervenuta sul problema con la consueta competenza e cortesia e mi ha restituito il messo alcune settimane fà, senza alcun onere a mio carico. Per ora ho potuto percorrere soltanto pochi chilometri ma al momento mi sembra che il problema sia risolto. Devo aggiungere che detto problema è stato l'unico che ho riscontrato sul Beverly 500, che per il resto posso giudicare un mezzo sicuramente valido ed apprezzabile.
Devo infine porgere un ringraziamento allo staff dell'Officina per la disponibilità dimostrata.
Distinti saluti Federico Negri

17/03/05 - Yamaha Majesty 400: aggiornamenti.
Salve, per correttezza (vedi Bene&Male 10/12/04) volevo comunicarvi che finalmente la scorsa settimana il concessionario di zona mi ha contattato per prendere un appuntamento per la sostituzione di ammortizzatori e frizione del mio Majesty 400 con quelli modificati.
Dopo averlo ritirato ho constatato che la frizione ora è molto più pronta e progressiva e sembra che (almeno per ora) non strappi più.
Ora attendo di poter provare le partenze in 2 (prima una odissea) e di affrontare il traffico...
Per quanto riguarda gli ammortizzatori in effetti mi sembrano meno rumorosi (ma ancora devo fare la prova cruciale in 2) ma purtroppo anche questi non sono regolabili nel precarico e sono ancora molto duri. Comunque nel complesso mi sembra sia stato fatto un ottimo lavoro, degno di una casa dal nome così rinomato.
Vi ringrazio ancora per il vostro impegno e vi mando i miei più cordiali saluti. Marco

10/03/05 - Un Suzuki Burgman 150 che non sopporta la pioggia.
Salve sono un utente che segue la ribrica bene/male, io ho un Suzuki Burgmann 150 acquistato alla concessionaria Fratelli Sacchi di Milano il 31/07/2003 e dopo circa 1000Km ho avuto problemi di cali di potenza con relativo spegnimento del motore, dopo di che si accendeva e ripartiva piano piano. Questo problema si presentava in condizioni di pioggia o bagnato (insomma con umidità). Ho portato il mezzo per ben 5 volte al concessionario che non riscontrava alcun problema. Alla fine io ho contattato direttamente la Suzuki Italia e hanno spedito un carburato in sostituzione dicendo che quello che era montato sulla mia moto aveva i getti predisposti per i paesi caldi. A cambiamento avvenuto la moto non ha dato più problemi tranne a circa 5000Km dove si è verificata la rottura del collettore di aspirazione, bene me lo hanno cambiato e tutto ok.
Ora la moto ha circa 9000Km e 3 settimane fa con una pioggerellina stupida mi ha dato gli stessi problemi di calo potenza con successivo spegnimento del mezzo, dopo di che ho aspettato e lo riacceso. Il mezzo è stato portato in officina e mi hanno detto che si era staccato un filo sotto il carburatore, che serviva a scaldare la benzina, dicendomi fammi sapere.
Da quel giorno del ritiro qui a Milano non ha piovuto più tranne ieri sera all'uscita del lavoro, dove si è presentato un inizio di neve/pioggia, naturalmente dopo circa 5Km la moto si è spenta. Ho chiamato il concessionario e mi ha detto di portarlo che ricontrollano il carburatore, ecc.
Ora dopo questo calvario mi sono stufato, apparte che questa situazione è pericolosa (visto che la cilindrata mi permette di andare anche in autostrada) se mi trovo con una macchina nel sedere e mi cala di potenza la moto, cosa faccio?
La garanzia finisce il 31 luglio 2005, spero che entro tale data mi mettano apposto questo problema, se no le spese chi se le accolla dopo?
Ivan Tagliaferri

08/03/05 - Molto deluso, della Yamaha Italia
Gentile redazione mi chiamo Giuseppe Antonio Giarrusso, residente a Campobasso, sono possessore di un Yamaha Majesty 400 sul quale, già da pochi chilometri dopo l'acquisto, si sono presentati i problemi ormai noti a tutti (Frizione rumorosa che slitta e strappa, ammortizzatori posteriori rumorosi, spegnimeto in movimento con codice di errore 37, difficoltà di avvio in salita con 2 person e a bordo).
Ho segnalato gli inconvenienti al mio concessionario già dal primo tagliando e lo stesso mi ha informato che era perfettamente a conoscenza degli incopnvenienti e che egli stesso aveva provveduto a sergnalarli alla Yamaha Italia.
Gli inconvenienti lamentati però non sono stati risolti e, dopo una mia lettera di protesta alla Yamaha Italia la stessa mi ha risposto con una lettera datata 25/11/2004 - Assistenza Tecnica CC/gf - nella quale sostanzialmente mi si dice che "...le opportune migliorie ... sono ora messe a disposiszione dei concessionari ufficiali in regime di garanzia" ... "La invitiamo, al fine di eliminare definitivamente ogni attuale anomalia presente, a prendere contatto con il concessionario Yamaha di zona, il quale è informato su come intervenire in merito".
La cosa bella è che il concessionario non era informato (è stato informato da me) e, pur essendosi attivato (contattando la Yamaha) alla data attuale (16/12/04) non è in grado di fornirmi risposte certe sui tempi e sui modi degli interventi da effettuare.
Dopo tale risposte ho provveduto personalmente a contattare il servizio clienti la cui operatrice, in modo alquanto scortese ed irritante, mi ha reso edotto (quasi io non fossi in grado di comprendere il contenuto della missiva Yamaha - sono architetto e funzionario apicale presso una pubblica amministrazione) che con tale nota la Yamaha non mi ha voluto informare di iniziative prese per la soluzione dei problemi del mio scooter, ma soltanto rassicurare che si stava occupando del mio caso!
Ora tale comportamento mi molto irritato e, se al più presto non riceverò risposte certe sui tempi relativi agli interventi da effettuare valuterò il da farsi.
Distinti saluti Arch. Giuseppe Antonio Giarrusso
10/03/05 - AGGIORNAMENTO
Facendo seguito alla mia precedente nota devo informarvi che la Yamaha ha disposto la sostituzione, in garanzia, della frizione con relativa campana e degli ammortizzatori posteriori. Con l'occasione ho fatto montare, per ovviare allo scarso spunto in accelerazione, un variatore della Malossi.
Gli interventi sono stati eseguiti il giorno 3/03/2005 e, per adesso non posso far altro che ringraziare la Yamaha ed il mio concessionario (Famoto di Campobasso) che ha eseguito il lavoro con tempestività.
Mi riservo di valutare se le sostituzioni effettuate risolvono effettivamente i problemi lamentati o siano dei semplici e temporanei palliativi, ma di questo vi riferirò dopo aver percorso un congruo numero di chilometri (tempo permettendo!).
Distinti saluti Arch. Giuseppe Antonio Giarrusso


03/03/05 - Aprilia Atlantic 500: quando il tachimetro ¿ un optional
Salve, mi chiamo Giuseppe Gatto e scrivo da Poggiardo in provincia di Lecce, sono nato il 14 Gennaio del 1979 e da 12 anni non faccio a meno di avere un "dueruote".
Verso la fine di Giugno di quest'anno trovo un ottima occasione, uno splendido Aprilia Atlantic 500, con solo 8700 km, quasi 2 anni di vita, antifurto elettronico neanche un graffio a solo 3.450 Euro, l'occasione è ghiotta e non me la lascio sfuggire anche perchè il vecchio proprietario (che lo aveva acquistato tramite il suo concessionario di fiducia dal primo proprietario e lo aveva tenuto solo 4 mesi per poi rivenderlo a me perchè non lo usava per niente) è una persona molto disponibile e seria.
Insomma appena preso faccio giusto un giro per scoprire che il tachimetro è balbuzziente, appena prende una buca la lancetta va giù per rialzarsi solo quando vuole lei. Arrivo a casa e chiamo il proprietario che disponibilissimo mi dice di recarmi al concessionario MEC MOTO di Taviano dove lui l'aveva comprato e dove era stato comprato anche la prima volta, e in caso di riparazione "a pagamento" avrebbe provveduto a rimborsarmi almeno per la metà la spesa sostenuta. Controllando la data di acquisto mi accorgo che la garanzia scade lo 05/07/2004 e che quindi mi rimangono pochi giorni per riparare lo scooter senza spese. Faccio subito un giro di telefonate, prima il concessionario di Maglie, che mi dice che devo lasciare lo scooter che deve poi essere caricato su un furgone e lasciato a Lecce, l'idea non mi piace e chiamo Lecce, dove mi dicono che se io portassi lo scooter il giorno dopo lo avrebbero controllato 7 giorni dopo e la garanzia non sarebbe potuta essere applicata (ma è mai possibile una cosa del genere?), alla fine chiamo il concessionario che mi aveva consigliato il proprietario, cioè MEC MOTO di Taviano, e a dire il vero si sono dimostrati più che gentili esortandomi a portare lo scooter il prima possibile.
Porto lo scooter giorno 3 Luglio 2004, dopo una serie di fotocopie e moduli, utili per il cambio di intestatario della garanzia Aprilia, lo scooter viene sottoposto a visita e si evince che il problema sta nel sensore del tachimetro posto vicino al mozzo della ruota anteriore, stretta di mano e ringraziementi, prendo lo scooter ed esco dal concessionario, visto che mi assicurano che i ricambi Aprilia arrivano con molto ritardo.
Passa un mese, due mesi, tre mesi, arriva Settembre chiamo in concessionaria e mi dicono che l'Aprilia ha accettato la sostituzione in garanzia, ma il pezzo non è ancora arrivato, ma che avrebbero sostituito loro il pezzo con uno presente in magazzino che poi avrebbero rimpiazzato con il pezzo spedito da Aprilia.
Ok, allora vado con lo scooter e visto che ci sono faccio fare il tagliando dei 12000 km (visto che ne segna 9700 ma in realtà di strada in estate ne ho fatta moltissima). Lo lascio per una settimana (preciso che il mio paese dista più di 35Km da Taviano), la settimana dopo vado a ritirarlo, pago il tagliano (90€, abbastanza salato secondo me), mi rassicurano sulla riuscita della riparazione, accendo lo scooter, faccio 20 metri, bhum la lancetta si riabbassa come prima... senza parole! Ritorno in concessionaria, mi dicono: "impossibile lo abbiamo provato!", ma alla fine si devono ricredere.
Mi dicono di prenderlo visto che c'è il sole (!!!), io gli dico che preferisco lascierglielo un'altra settimana per provare a riparare il tutto. Chiamo dopo una settimana, ma il capomeccanico mi dice che aspetta una mail da Aprilia dove ci sono indicate alcune prove da fare, dopo due settimana richiamo e mi dicono che bisogna aspettare istruzioni da Aprilia e che ci vorrà del tempo, allora decido di andare a ritirare lo scooter, vado lo prendo e mi viene detto di aspettare comunicazioni.
Dopo quasi due mesi richiamo in concessionaria e mi viene detto che Aprilia è stata in difficoltà per tutto il 2004 e se ne parla per gli inizi del 2005 a ricevere qualche novità....
Insomma 5 mesi ed il tachimetro non va ancora, mi avevano parlato di ispettori ecc ma io non ho visto niente! Ora a me interesserebbe sapere se è davvero colpa di Aprilia oppure il concessionario non è interessato al mio problema.
NB: Ad agosto mi ritrovo con il bullone della ruota posteriore svitato perchè difettoso, ho ordinato il bullone al concessionario di Maglie, ma ancora non ho ricevuto nessuna telefonata, fortunatamente ho risolto comprando un fermadado e una coppiaglia della vecchia vespa, che non sarà bello da vedere (anche se è abbastanza nascosto) ma almeno non si svita da un giorno all'altro.
Grazie per l'attenzione. Cordiali Saluti Giuseppe Gatto
AGGIORNAMENTO:
06/09/05 - I primi di Gennaio (3 mesi dopo l'ultima richiesta) mi ha contattato il concessionario Mec Moto di Taviano per riferirmi che l'intero cruscotto era arrivato da loro ed erano pronti alla sostituzione. Purtroppo per motivi di tempo e di clima sono potuto andare in concessionario solo a metà Maggio previo appuntamento. Confermando l'alta professionalità e disponibilità del concessionario il tutto è stato sostituito in 2 ore. Ora lo scooter è veramente completo e pienamente funzionante. Ringrazio l'Aprilia (anche se 6 mesi per un pezzo sono troppi, anche se non era fondamentale) e la concessionaria di Taviano Mec Moto, inoltre ringrazio voi tutti, sia i gestori del sito che gli utenti, siamo (mi ci metto pure io, visto che sono un assiduo frequentatore) davvero una bella community! Presto pubblicherò le impressioni
sul mio scooter, saluti. Giuseppe Gatto

17/02/05 - ATTENZIONE: cambio di rotta!
• Sono anni che facciamo da tramite fra scooteristi incavolati e Aziende che per i motivi più disparati, non rispondono praticamente mai. Diciamocelo, è inutile ingenerare speranze che i propri problemi o disagi possano essere maggiormente presi in considerazione attraverso questa rubrica.
E allora che fare, chiuderla o continuare?
Abbiamo deciso di continuare, senza sollecitare risposte dalle Aziende, ma offrendo questo spazio come una bacheca dove lasciare un commento, positivo o negativo, ma sempre circostanziato, sul proprio scooter, abbigliamento, accessori etc. a beneficio degli altri lettori.
Questa nuova metodologia porterà, se non altro, ad uno snellimento dei tempi di pubblicazione per, speriamo, un'informazione più efficace.

Naturalmente nulla vieta che mandiate la mail in copia anche all'Azienda coinvolta, tenendoci al corrente degli eventuali sviluppi.
Per una maggiore garanzia sulla veridicità degli interventi vi chiediamo comunque di fornirci le informazioni richieste a lato.


 

15/02/05 - Yamaha Majesty 400: problemi segnalati.
Gentile Redazione,
sottopongo alla Vs. attenzione i tantissimi (ed anche pericolosi) difetti del mio Yamaha Majesty 400 al fine di allertare altri ignari potenziali acquirenti del mezzo:
- Il mio modello (come, ho saputo, tanti altri) presenta lo spegnimento improvviso del veicolo anche in marcia (ai bassi regimi).
- Dai 2000 ai 3000 il motore scoppietta. In rilascio di acceleratore, riaprendo il gas, lo scooter ha una specie di mancamento, come se non arrivasse benzina e poi riparte di colpo mettendo a dura prova la frizione e la trasmissione, sottoposte cosi a sollecitazioni inusuali, specialmente in salita.
- La frizione, oltre a rendere molto difficoltosa la partenza in salita, "pattina" fino a 5000 giri/m e, quando sollecitata, emette un forte rumore di "ferraglia". In aggiunta, stacca in maniera pericolosa a 40 Km/h anche in discesa, lasciando ai freni il solo compito di fermare il veicolo, che non è proprio un fuscello.
- Ammortizzatori posteriori molto rumorosi.
Con la speranza che, tramite il Vs. seguitissimo sito, mettiate al servizio dei Vs. numerosi utenti, nonche' Yamaha Italia di questi deprecabili e fastidiosi problemi, porgo cordiali saluti.
Andrea Bergamini
NESSUNA RISPOSTA da YAMAHA ITALIA.

10/02/05 - Aprilia Scarabeo 250: ricambi introvabili.
Gentile redazione di Cyberscooter, vi scrivo per mettervi a parte di una disavventura che mi trovo a vivere con Aprilia. Acquisto uno Scarabeo 250 dal concessionario CHIMOTO di Limbiate ai primi di giugno (08/06) di quest'anno. Ritiro il mezzo, ma non riesco nemmeno ad arrivare a casa. Il serbatoio ¿ bucato (!), perde benzina. Mezzo fermo dal concessionario per tre settimane prima di averlo disponibile. Naturalmente il serbatoio viene sostituito in garanzia; c'¿ da domandarsi come un difetto del genere non sia potuto essere scoperto prima della consegna. Il mezzo mi viene riconsegnato il 24 di giugno. Passano tre giorni e -siamo al 27 di giugno- il mio nuovo Scarabeo 250 vecchio di ben tre (3) settimane anagrafiche, ma di soli tre giorni su strada, viene rubato. Evidentemente sono estremamente sfortunato. Fortunatamente lo scooter viene ritrovato circa 2 mesi dopo, il 23 di agosto. Qualche danno di carrozzeria, sembra che i ladri si siano divertiti un po' e abbiano abbandonato il mezzo dopo pochi chilometri. Poich¿ la mia assicurazione copre i danni sul veicolo ritrovato, porto il mezzo dal concessionario ufficiale Aprilia Luini Moto di Bollate (MI) per una stima del danno e per procedere alle necessarie riparazioni. Il perito dell'assicurazione visiona il mezzo e avvia la perizia. Purtroppo ciŸ avviene con un certo ritardo (in settembre), dato che il ritrovamento ¿ avvenuto in agosto, quando le ferie estive rallentano i normali ritmi lavorativi. Morale: il 20 settembre posso dare il via libera al concessionario per procedere alle riparazioni necessarie. Da allora, e siamo ormai al 12 di dicembre, sono passati quasi tre mesi, il mio mezzo ¿ fermo presso il concessionario. La ragione: Aprilia non ¿ in grado di provvedere alla fornitura dei ricambi necessari. Il concessionario non ¿ in grado di darmi nessuna data stimata di ricezione. Mi fornisce una copia dell'ordine piazzato ad Aprilia con la lista ed i codici dei pezzi mancanti. Mi fornisce in numero telefonico presso il quale contattare Aprilia suggerendo di sollecitare. Aprilia, contattata piˆ volte tramite il centro di assistenza clienti disponibile allo 041-5079821, non ¿ in grado di rispondere a nessuna delle mie richieste. Il personale pur estremamente gentile dell call center, si limita ad effettuare un sollecito ad ogni mia chiamata. Nessuno mi sa dire quando i pezzi di ricambio saranno disponibili perch¿ "non hanno visibilit· del magazzino". Secondo l'assistenza il concessionario deve provvedere a fare chiarezza contattando il centro ricambi. Il concessionario afferma di non avere nessuna possibilit· di avere questa informazione. Io mi trovo con lo scooter "sequestrato" e non utilizzabile da tre mesi. La pratica assicurativa ¿ in sospeso, perch¿ senza fattura non ¿ possibile procedere alla sua chiusura. Quindi: non posso utilizzare lo scooter fino alla chiusura della pratica assicurativa, ma non posso chiudere quest'ultima se lo scooter non viene riparato e il concessionario non emette fattura. La cosa incredibile ¿ che questa situazione si protrae a tempo indeterminato e non c'¿ assolutamente nessuna possibilit· di capire se e mai e quando si risolver·. Fatto salvo il rispetto per la cortesia del concessionario, effettivamente sempre piˆ imbarazzato ad ogni mia visita o telefonata, non posso fare altro che ritenere inaccettabile un comportamento di questo tipo da parte di Aprilia. Da giugno non passa giorno in cui non mi penta di essermi fatto tentare dall'attraente design dello Scarabeo e -mi duole davvero dirlo- di aver dato fiducia ad una azienda italiana. Aver venduto il mio scooter Honda per passare ad Aprilia si ¿ rivelato un madornale errore. Da parte mia, credo che provvederŸ a vendere lo scooter non appena ne rientrerŸ in possesso, e MAI PIU' in vita mia acquisterŸ un mezzo Aprilia. Non posso rischiare di restare intrappolato ancora in una situazione simile qualora avessi bisogno di pezzi di ricambio. Sconsiglio vivamente di acquistare Aprilia a chiunque "lú fuori" abbia preso in considerazione quest'ipotesi. Vi segnalo il caso perch¿ credo sia degno della vostra attenzione. Complimenti per il sito, molto completo e ben fatto. Cordiali saluti. Emanuele
NESSUNA RISPOSTA da APRILIA.

 

08/02/05 - Gratitudine verso la ditta Clover.
Caro CyberScooter, ti scrivo perché voglio rendere pubblica la mia gratitudine verso la ditta Clover di Cornedo (VI).
Qualche giorno fa si è rotto il pendaglio della cerniera della giacca Clover modello "Cambridge" che mi accompagna quotidianamente da oltre 2 anni; ho scritto via e-mail al servizio clienti Clover chiedendo se tale particolare era reperibile quale ricambio e, eventualmente, come ordinarlo, dato che tramite il negozio non ero riuscito ad avere informazioni in merito. Nel giro di pochissimi giorni, non solo la Clover mi ha risposto, ma si è premurata di accertarsi anche del funzionamento della cerniera nel suo complesso ed ha provveduto ad inviarmi per posta non un pendaglio di ricambio, ma ben due!!
Peraltro, sottolineo come mi è stato spiegato che il pendaglio che avevo in precedenza era stato modificato proprio perché soggetto a rottura più frequentemente di quanto preventivato, pertanto il nuovo pendaglio inviatomi è un modello differente ma molto più solido. Raramente ho trovato disponibilità verso il cliente, solerzia e gentilezza nella risposta come in questo caso. Personalmente non posso che ritenermi ancora più soddisfatto dell'acquisto effettuato e sicuramente non mancherò di suggerire tale marca ai colleghi su due ruote.
Claudio Grassi, "collaboratore" di CyberScooter

 

03/02/05 - Yamaha Majesty 400: problemi ripetuti.
Salve a tutti,
il mio nuovo yamaha majesty 400 l'ho ritirato il 28 luglio, dopo 5 anni di grandi soddisfazioni con il DX 250 (gran mezzo!!).
Dopo soli 2 giorni ritorno in concessionaria perchè mi accorgo di un fastidioso scoppiettìo e scarsa fluidità soprattutto ai bassi regimi. Mi dicono che è normale, regolano qualcosa e mi mandano via.
La stessa scena si verifica per altre 5 volte. Al costante e mai risolto scoppiettìo si aggingono la puzza di bruciato della frizione nel traffico e nelle salite, gli ammortizzatori che non esistono, rumori vari dal variatore e dalle plastiche.
L'ultima volta è stata l' 8 ottobre e se lo sono tenuto fino al 21, cambiando solo gli ammortizzatori che tra l'altro non sono molto diversi da quelli originali, dato ad ogni buca nell'asfalto la schiena ringrazia, figuriamoci poi sui sanpietrini che qui a Roma abbondano.
Il difetto per me più fastidioso è comunque lo scoppiettio della marmitta che mi sta mandando veramente in crisi e che per il momento nessuno è riuscito a risolvere. Mi sta facendo schifare un mezzo che comunque mi piace, si guida che è un piacere ma che non si riesce ad apprezzare per colpa di questo problema che io credo sia dovuto a difetto dell'impianto di alimentazione. Soprattutto nella marcia lenta in città, tra le auto, alla ripresa lo scoppiettìo è accompagnato da uno scatto che veramente fa esaurire anche l'essere più calmo.
Ora mi chiedo: che devo fare? Far scrivere da un Avvocato? O vendere il mezzo perdendoci parecchi soldi in soli tre mesi? E la cosa che mi avvelena di più è che lo scooter mi piace davvero tanto, ma sta diventando come una bella donna che prima ti conquista e poi si rivela un diavolo.
Saluti. Ciro Mandarino
NESSUNA RISPOSTA da YAMAHA ITALIA.

27/01/05 - Problemi non risolti per un Aprilia SportCity 200.
Acquistato a fine luglio da motoimport (scorrettissimo in quanto mi ha fatto pagare il parabrezza originale sapendo che non era ancora disponibile e mi ha dato un isotta dicendo al momento della consegna "...quest'anno isotta ha vinto l'appalto per l'aprilia..." e così facendo non solo ha istantaneamente perduto un cliente ma ha trovato uno che gli fa una pubblicità pessima.
Lo scooter ha mostrato i seguenti difetti:
- progessivo irrigidimento della sospensione posteriore (praticamente ora non assorbe nulla)
- spegnimento del quadro digitale per 3 volte (da settembre a novembre)
- innalzamento temperatura del motore per problemi al termostato (novembre)
Vi invito a riflettere che se hai il quadro spento perché non funziona, non puoi sapere che tempeatura ha raggiunto il motore, con il rischio di bruciare quantomeno la testata.
Motosystem mi ha confermato che quasi tutti gli SC hanno avuto questi problemi.
Dopo il primo tagliando (scortesissimo!!) presso Motoimport ho deciso di rivolgermi a Motosystem di via tiburtina che lavora per motolido: gentili, disponibili e attenti.
Infatti hanno risolto i problemi del quadro immediatmente (con un'attesa di un'ora scarsa senza appuntamento). Purtroppo il rpobelma del termostato è ben più grave e necessita la sostituzione di un pezzo che non arriva MAI. Ho contattato il Customer Care di Aprilia che ha detto "...sollecito l'invio del pezzo...". dopo 1 settimana ancora niente.
Io sono quindi appiedato in una città come Roma (che in questi giorni è anche stata teatro di scioperi dei mezzi pubblici). Io con lo scooter ci lavoro. Io sto perdendo lavoro, tempo e soldi.
In conclusione non solo ho molti dubbi sulla qualità dei mezzi aprilia ma soprattutto del suo Customer Care/assistenza post-vendita.
Infatti i giapponesi (ad esempio yamaha) non solo offrono gratuitamente al momento dell'acquisto l'europe assistance per 1 anno (cosa che aprilia non fa) ma sono sempre stati super-efficienti e veloci nella gestione di eventuali prblemi (a me hanno fatto ad esempio passare sotto garanzia degli interventi benché la garanzia fosse scaduta da un paio di mesi e parliamo di un cygnus!!!!, non credo che aprilia farebbe altrettanto).
rimango decisamente deluso. continuo a fare pessima pubblicità ad aprilia.
spero solo che a presto riceverò il mezzo messo a posto. arrivo fino al secondo tagliando. se i problemi dovessero ripetersi non solo vendo sto scooetr e mi ricompro un yamaha ma mi attiverò legalmente.
ciao e grazie di darci voce. Massimo
NESSUNA RISPOSTA da APRILIA .

25/01/05 - Qualche problema, ma ben risolto per un Honda Pantheon 150.
Possiedo un Honda Pantheon 150 (modello 4T a iniezione) con il quale ho percorso, in un anno circa, oltre 32.000 km.
Ho avuto diversi problemi, anche piuttosto gravi, ad esempio mi è stato sostituito l'intero gruppo termico in seguito a un'ispiegabile "sbiellamento", mi è stato cambiato un sensore responsabile di spegnimenti piuttosto frequenti del propulsore, mi è stata sostituita la marmitta (dopo circa 31.000 km), e il tuttto sempre in garanzia.
Fino a quì, nulla di strano, si potrebbe pensare che sia normale amministrazione. Ma quello che secondo me è il "DI PIU'" è stata l'accoglienza cordiale e professionale, la competenza tecnica che ho sempre riscontrato in tutti i componenti del concessionario HONDA TRESOLDI di pessano con bornago (MI), e in particolar modo di Massimo e Giulio Tresoldi che si sono fatti in quattro per fer sì che i miei problemi fossero riconosciuti in garanzia da Honda,
e da tutto lo staff che si è sempre dimostrato all'altezza della situazione. E' qunidi "anche" grazie a loro se continuerò ad acquistare Honda nonostante i problemi tecnici riscontrati.
La serietà è merce preziosa, e non sempre si riesce a trevarla negli acquisti che si fanno, ma quando si trova perchè cambiare?
Grazie. Giovanni Gambino

20/01/05 - Critica costruttiva per un Aprilia Scarabeo 250.
Salve, vorrei dire cosa mi ¿ accaduto non con lo scopo di abbattere e disprezzare l'Italico prodotto, ma proprio il contrario, vorrei dire cosa non ¿ andato per il verso giusto perch¿ possa fare da riferimento e magari approffittare di un vetrina come Cyberscooter per fare arrivare alla azienda questa voce in modo ne possa farne tesoro per un futuro. Nel mese di Giungno 04 alla fine di Giugno, ho ritirato presso la concessionaria di Milano un fiammante Scarabeo 250, appena visto me ne sono innamorato, bello e particolare, non perfetto perŸ nell'assemblaggio delle plasticheÉle quali risultano visibilmente unite in modo grossolano. In compenso perŸ la qualit· del materiale impiegato mi sembrava migliore di quello di molti concorrenti, quindi un appunto solo nella cura dell'assemblaggio non alla qualit· del materiale. Come dicevo, ritiro il mio mezzo nuovo ma dopo pochi chilometri mi accorgo che le cose non vanno come devono, il manubrio sia alle basse sia alle alte velocit· sfarfalla, e il movimento del mezzo pareva beccheggiare come un battello in acqua, quindi il confort di marcia non era il massimo, ma poi non capivo ma la direzionabilit· del mezzo non era come doveva. (subito schioppone!!! Ma non avevano risolto i problemi di stabilit·???) Preso contatto nei giorni seguenti con l'officina della concessionaria il Sig.Cristian capo meccanico e collaudatore Aprilia mi invitava a tirare se potevo sino al primo tagliando in quanto in quel momento l'officina era oberata di lavoro, non avendo nulla che compromettesse la sicurezza o il mezzo ho accettato, del resto il mezzo si poteva usare, ballava un attimo ma si andava comunque.
Arrivano cosú i primi di settembre e faccio il primo tagliando, lo scooter ¿ rimasto fermo per il tagliando 4 giorni, dico questo solo per fare notare la professionalit· del Sig.Cristian che non si era dimenticato del mio problema e che ha provato e riprovato sinoÉ a giungere alle seguenti conclusioni:
- Manubrio fuori asseÉrispetto Éla ruota anteriore. CausaÉ forse svista durante la fabbricazione.
- Equilibratura non corretta o lieve ovalizzazione della gomma causa non definita.
Per lo sterzo il capo meccanico lo ha messo in asse con la ruta e via cosú per le gomme non si sapeva cosa fare anche perch¿ era una diagnosi, quindi poteva essere sbagliata. Il subdolo era che un pezzo rotto ¿ rotto ma una gomma leggermete ovale o mal equilibrata Écome fai a definirla per la garanzia???
Bene ho fatto da cavia, sicuro che quella era la strada giusta, quindi a speseÉ mie mi sono cambiato le gomme con delle Pirelli ST66 prima montavoÉ Maxxis... bene il responso del gommista ¿ stato:
- Equilibratura mal fatta senza dubbio e probabile quasi certa lievissima ovalizzazione della gomma anteriore. Faccio notare che al gommista non ho detto nulla proprio per vedere cosa diceva, non per cattiveria ma un doppio controlloÉ mi sembrava il minimo, quindi stessa conclusione del Sig. Cristian senza che le due persone si conoscessero o altro.
Ora ¿ tutto apposto, il mezzo ¿ perfetto anche se un difetto rimane ma questo ¿ tollerabile, il mono posteriore per buono che sia lavora per due ammortizzatori ma ¿ da ÉsoloÉe con il 250 fatica a reggere il carico di lavoro quando si viaggia in due, magari con il bauletto di serie con dentro del materiale.
Nulla di grave ora lo Scarabeone ¿ veramente gradevole nella guida e godibile al 100 per 100. Ottimo il motore Piaggio, senza essere dei grandi esperti ¿ potente progressivo e da soddisfazione. I freni poi sono da Moto, quindi dove voglio arrivare... perch¿ Signora Aprilia si ¿ persa con gomme per meÉÉnon all'altezza, dure come un muro e di qualit· dubbia e perch¿Él'assemblaggio non ¿ curato come dovrebbe??? Volgarmente il manubrio leggermente storto puŸ capitare ma se questo ¿ unito a gomme non all'altezza e non equilibrate al massimo... ho detto tutto, peccato, questo ¿ il caso di dire, persi in un bicchiere d'acqua.
Grazie mille per l'attenzione a tutti. Salve ragazzi di cyberscooter e buon lavoro.
Paolo Corbetta - Milano -

18/01/05 - Rotture varie per un Suzuki Burgman 400.
Salve, volevo chiedere se era possibile che il suzuki burgman 400 in mio possesso, anno 2000, 35000 km, abbia a vuto l'incoveniente di cambiare gi· 2 marmitte per distacco anima. Come mai?
Sempre piˆ male, oggi 1 settembre 2004, ¿ successo un disastro. Mentre guidavo si ¿ abbassato di colpo la resa del mezzo (Suzuki burgman 400 modello AN400RY immatricolato il 15/03/00). Dopo una rapida controllata ho verificato che si ¿ spezzato l'alberino che trattiene in posizione il variatore all'altezza della parte filettata e questo ha causato la fuoriuscita del variatore contro il carter di alluminio con le seguenti rotture: Rottura ventola sul radiatore Rottura del carter di alluminio Rottura riparo filtro ventola del variatore Rottura filtro ventola variatore Rottura cinghia di trasmissione seminuova Il motore ne avr· risentito? Non ho ancora il preventivo per la riparazione di tutto ciŸ ma presumo sia una bella cifra. Essendo pratico di meccanica ho constatato che il suddetto alberino temprato ¿ difettato altrimenti n avrebbe dovuto succedere tutto ciŸ ,difetto di materiale o tempra???' Scusate me devo sfogarmi anche perk¿ sŸ gi· che tutti se ne laveranno le mani. Essú che avevo proprio parlato la settimana scorsa con un mio amico che voleva prendere uno scotter gilera ma io gli ho detto di andare su suzuki che ¿ una garanzia... azzz sembra che qualcuno abbia voluto maledirmi(che sia la gilera?). Volevo chiedere se secondo voi ¿ giusto che io debba andare incontro a questa spesa? Quell'alberino avrebbe dovuto durare molto di piˆ anche pk¿ ha un bel diametro. Ripeto essendo pratico di meccanica conosco la tempra ed i materiali e succedono pure sul mio lavoro delle rotture di pezzi temprati e sempre per difetti di tempra e di materiale e quando succede... pago i danni... e la suzuki??? Prima la marmitta ora questo... che mi dite. che devo fare? Alfio
RISPOSTA di CYBERSCOOTER:
Devi contattare Suzuki, anzi la contattiamo anche noi.
NESSUNA RISPOSTA da Suzuki Italia


11/01/05 - Botta e risposta su un ricambio Piaggio.
Buon giorno, sono un felice possessore di un Beverly 200 del 2002 fino a tre settimane fà, il 16 di agosto facendo il pieno, ho notato che il serbatoio perdeva benzina. portato presso il mio meccanico di fiducia, (pighi Germano di Savarna-Ravenna) egli constatava che il serbatoio era rotto. ha ordinato il pezzo presso la concessionaria Ufficiale Giovannini Arnaldo di Ravenna i quali stanno attendendo anche loro il ricambio cod. 621091 dato che stato inoltarto il 01/09/2004 perché dicono eravate chiusi per ferie!!!!!! ( una grance azienda come voi non dovrebbe mai chiudere per ferie così tanto) st? di fatto che oggi
08/09/2004 il pezzo da Pontedera non è ancora arrivato, fortuna che non ho acquistato uno scooter giapponese se nò facevamo natale. sinceramente sono deluso per questa attesa, uso lo scooter per lavoro e quindi ne ho necessità, mi trovo molto bene e sono contento dell'acquisto, ma una cosa è certa: è ultima volta che acquisto un veicolo Piaggio, scusate lo sfogo ma ho lo scooter fermo dal 16 di agosto.
Cordiali saluti, Pietro donzello
RISPOSTA di PIAGGIO:
Egr. Sig. Donzello, la ringraziamo per averci contattato,
per dar seguito più velocemente possibile alla sua richiesta la preghiamo di contattarci al nostro n° verde 800/818298, operativo dal lunedi al venerdi dalle ore 8,30 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,30 fornendo i seguenti dati:
- nominativo intestatario veicolo
- n° telaio del veicolo
- riferimenti ordine cliente (numero ordine)
In altro caso può inviarci gli stessi dati tramite l'apposita sessione del contact-us del nostro sito utilizzata precedentemente.
Le chiediamo questo piccolo aiuto, certi di poterla poi supportare al meglio.
Cordiali Saluti, Servizio Clienti Piaggio.
COMMENTO DEL LETTORE:
Spett.le Piaggio
Dopo le varie email e telefonate di protesta al call center Piaggio sono ancora in attesa di ricevere il fantomatico ricambio, a dire il vere il pezzo incriminato era arrivato a Ravenna il 17 09 2004, ma questi buontemponi dei magazzinieri avevano inviato il serbatoio modello 2004 anziche 2002 (così mi ha detto il meccanico)
Sono seriamente deluso da comportamento della Piaggio, se questo si chiama fidelizzare il cliente, allora siamo a posto. Sta di fatto che sono rimasto a piedi il 16 agosto ed fino al 02/09 non è stato possibile ordinare il pezzo perchè tutti erano in ferie. oggi 22 09 sono ancora senza soste, non una telefonata per scusarsi, no una email, niente!!!!!!!!!!
Una cosa è certa, il Sig.Colaninno & C. hanno finito di vedere i miei soldi!!
Cordiali saluti, Pietro donzello

COPYRIGHT CyberScooter, tutti i diritti riservati, per informazioni e contatti clicca QUI>>>