29/10/02
BUON COMPLEANNO CYBERSCOOTER!
Piano piano, senza fare troppo rumore, ma con costanza e soprattutto tanto lavoro, CyberScooter arriva al traguardo dei primi TRE anni, proprio oggi!
Sembra passato un secolo da quando, il 29 ottobre 1999, pubblicavamo il primo articolo, quello Speciale Motorshow di Tokyo, pieno di modelli, fotografie e informazioni inedite, per l'allora poco affollato settore delle webzine a due ruote.
Ricordo ancora con emozione quando il primo mese online si chiuse con circa 300 visitatori, l'arrivo delle prime mail e i contributi da pubblicare nella sezione Prove.
Allora per riuscire a testare scooter diversi da quelli che possedevamo, supplicavamo gli amici o, addirittura, li noleggiavamo a caro prezzo! Ma la voglia di fare sempre meglio e l'incoraggiamento di lettori/collaboratori sempre più numerosi ci ha spinto a fare sempre di più e, speriamo, sempre meglio.
Piano piano siamo riusciti a conquistarci la fiducia delle Aziende che ci forniscono gli scooter da provare e ultimamente ci stiamo 'allargando' anche al settore abbigliamento e accessori, per fornire così utili indicazioni (speriamo) anche in tal senso.
La redazione conta ormai cinque persone più vari consiglieri/collaboratori/amici che permettono la realizzazione dei test su strada, delle varie rubriche, e soprattutto l'espressione dei vari punti di vista su modelli, itinerari e mondo delle due ruote. Soprattutto persone appassionate, che fanno dello scooter il mezzo di trasporto e di svago preferito e che, permettetemi, trovo diversi da molti giornalisti 'professionali' che giungono alle presentazioni stampa con i mezzi più disparati, ma mai a due ruote!
Naturalmente una metà del lavoro l'avete fatto voi, non sarebbe certo stato possibile pubblicare 76 report di altrettanti modelli nella sezione Prove e 44 resoconti di viaggio in tutta Europa nella sezione Turismo oltre a tutti i contributi nelle altre sezioni.
Questa in fondo è la vera forza di CyberScooter, dare risalto alle opinioni degli utenti veri e fornire così utili indicazioni ai potenziali acquirenti e perché no, anche alle Aziende per capire meglio i gusti e le esigenze dei propri Clienti.
In compenso vi abbiamo ripagato pubblicando i vostri scritti con ritardi clamorosi, rispondendo solo ad una parte delle vostre mail e anche qui con un tempismo degno di una USL. Non è che siamo antipatici, almeno speriamo, ma non riusciamo proprio a fare tutto e, man mano che ci si organizza, la mole di lavoro è già aumentata...
Del resto, spero che l'abbiate notato, gli aggiornamenti sono diventati quotidiani a tutti gli effetti, la completezza dei test nella sezione Modelli sempre maggiore e la tempestività nel presentare le novità, a livello della miglior concorrenza, ma spesso molto prima...
Vabbé, basta con questo parlarsi addosso, adesso è ora di tornare a lavorare, in box abbiamo un Suzuki Burgman 650 e un Malaguti Madison 400 da testare, stiamo completando i 20.000km con lo Yamaha Tmax e i 40.000 con lo Yamaha Majesty 250, poi ci sono giacche, guanti e caschi che aspettano di essere torturati, sono in arrivo numerose presentazioni stampa di modelli pronti a buttarsi nell'arena, e le varie rubriche aspettano solo di essere aggiornate.
Accidenti, stavo dimenticando i sopralluoghi per l'ultima gita 2002 del CyberScooterClub, la cena di fine anno etc etc. non posso stare qui a chiacchierare...

Saluti scooteristi a tutti!

Fabrizio Villa

02/09/02
AUTUNNO CALDO!

Il titolo non è certo riferito ad una ripresa della conflittualità sociale, anzi, spero che tutti possano lavorare e contrattare nelle condizioni ottimali. Mi riferivo alle numerose novità che ci attendono e, non ultima, alla speranza in un clima autunnale più clemente, dopo l'estate piovosa che ci siamo beccati.
Innanzitutto Intermot, la fiera del motociclo a Monaco di Baviera che aspettiamo con ansia, per i modelli inediti che verranno presentati e per tutte le novità dell'indotto: abbigliamento ed accessori. Noi di CyberScooter ovviamente ci saremo: parteciperemo come nel 2000 in scooter, utilizzando il comodo campeggio allestito a fianco del quartiere fieristico e riporteremo prima possibile le notizie, anche quelle più curiose, in un corposo Speciale.
Intermot sarà interessante anche per tastare il polso al mercato scooteristico che da più parti viene definito in crisi, mentre si definisce florido quello della moto, ma non mi sembra che si possa definire esattamente così. Un confronto più in là nel tempo, rispetto a quello classico sull'anno precedente, ci può dare un quadro più complessivo dell'andamento e risente meno delle mode del momento. Analizziamo per esempio il mercato nell'ultimo quinquennio e notiamo che nel primo semestre del 1998 gli scooter venduti erano 68.800 e le moto 54.700, dopo cinque anni di boom delle vendite, in questo primo semestre 2002 troviamo gli scooter a quota 158.700 e le moto a 88.400, quindi + 130% per gli scooter e 'solo' + 61% per le moto, incrementi che comunque, di questi tempi, fanno invidia a moltissimi altri settori.
È pur vero che rispetto allo scorso anno i valori dello scooter sono in calo e quelli della moto in crescita, ma non in modo tale da definire il primo in crisi e viceversa.
A questo punto si tratta di non esagerare, come spesso accade ad opera dei Produttori, incalzati dai Compratori: questi ultimi vogliono spesso il modello più veloce, più rifinito, più opulento e i primi si fanno in quattro per offrirglielo con il risultato che i costi d'acquisto e manutenzione aumentano, peso e maneggevolezza non si incontrano più e ci si ritrova con mezzi del tutto sproporzionati alle nostre esigenze. A questo punto il mercato può crollare all'improvviso, come è successo altre volte nei decenni passati. Attenzione quindi, ben vengano i veicoli di riferimento, ma non vanno mai trascurati i settori cosiddetti 'medi', che nel nostro caso si giocano fra i 200 e i 500cc, con veicoli accattivanti, ben realizzati e ad un prezzo ragionevole. Mi sembra che l'ultima novità di Piaggio, che presentiamo proprio oggi nella sezione Modelli, segua questa strada, ma non è certo l'unica.
Un appunto poi alle nuove norme del codice della strada, alle telecamere per il controllo delle corsie preferenziali e ad un clima di generale rigore che si sta creando, beninteso, tutti d'accordo, ma non sarebbe il caso di essere altrettanto rigorosi con lo stato di manutenzione delle strade, con l'aumento indiscriminato delle assicurazioni, con la scarsa diffusione dell'asfalto drenante e magari con la sostituzione dei pericolosi guard rail in favore delle più sicure barriere in cemento?

Ad essere pignoli bisognerebbe essere più rigorosi anche nel rispondere alle vostre mail e nel pubblicare i vostri preziosissimi contributi in tempo utile. Qui non mi resta che fare autocritica e sperare nella vostra infinita comprensione: non ce la si fa a starvi dietro!! Da un lato è una bella notizia, perché vuol dire che siete in continuo aumento, ma un modo per farcela dobbiamo trovarlo, ci lavoreremo in quest'autunno, caldissimo ...perlappunto!

Saluti scooteristi

Fabrizio Villa

 

07/01/02
SI RIPARTE!


Non possiamo dimenticare che l'anno appena passato ha portato cambiamenti importanti nel mondo, e anche nel nostro settore.
Le vendite di scooter targati, dopo anni d'incrementi esponenziali, si sono stabilizzate, ma a nostro avviso questo non significa crisi, bensì fisiologica saturazione del mercato, segnato anche dalla fine degli incentivi statali. In compenso ha avuto un rilancio il mercato dell'usato, 'grazie' al forte deprezzamento dei mezzi, indotto da politiche di sconto indiscriminato (che non vorremmo rivedere), frutto di errate previsioni sull'andamento delle vendite. Il settore è comunque florido e si sta segmentando in numerosi trend, che vanno dall'iperscooter full optional, all'agile ed economico commuter urbano, attraversando le fasce intermedie per accontentare tutti i gusti e le tasche.
Abbiamo anche assistito a fusioni fra importanti gruppi industriali e ancora ne vedremo nei prossimi tempi, perché l'esigenza di produrre a prezzi competitivi per pubblici sempre più vasti, rende più difficile la sopravvivenza di marchi storici a conduzione quasi 'familiare', a favore di grosse multinazionali delle due ruote; speriamo solo che la fantasia e la pluralità delle offerte non ne soffrano, ma questa strada è obbligata dalla tendenza globale dei mercati.
Il "nuovo settore", internet e dintorni, ha subito uno stop evidente, ma crediamo che sia stato determinato più da una sopravvalutazione speculativa degli anni passati, che da un'effettiva crisi del media. Internet continua ad espandersi, e le sue qualità specifiche – informazione bidirezionale, immediatezza e community – ritorneranno presto a farsi valere nell'ambito informativo e pubblicitario.
Proprio riguardo a quest'ultimo, sono apparsi i primi banner e pagine pubblicitarie su CyberScooter, ad opera di inserzionisti che credono nel progetto (ed anche in un riscontro concreto) e che hanno permesso di ridurre, in parte, il peso delle spese per la sua realizzazione. L'idea guida, anche in questo caso, è rimanere fedeli al carattere tematico e informativo del sito e fornire utili informazioni per orientarsi tra le molteplici offerte del settore maxiscooter.

La nuova versione del sito, realizzata all'inizio del 2001, ha portato all'inserimento di centinaia di articoli, con aggiornamenti praticamente quotidiani. Questo è stato possibile soprattutto grazie alla partecipazione di tutti voi, che ci avete sostenuto inviando resoconti, prove ed informazioni di ogni genere. Un patrimonio di esperienze e vissuti personali che ci riempiono di piacere e stupore ad ogni mail. Ci meriteremo tanta disponibilità? Speriamo di sì, e che si vedano gli sforzi per portare avanti questo progetto con passione e dedizione. Purtroppo abbiamo anche mostrato un certo affanno nel seguire tutte le sezioni, testimoniato dalla poca tempestività nella pubblicazione dei vostri contributi e nel rispondere alle numerosissime mail. Per il 2002 ci stiamo attrezzando con una redazione più corposa e 'strutturata', che punta ad essere più reattiva e professionale, pur rimanendo costituita da appassionati scooteristi.

Venendo alle prospettive per il 2002, speriamo che il trend delle visite continui ad aumentare come e più che nell'anno passato, che la collaborazione con le Aziende ci permetta di presentare con tempismo e accuratezza tutti i nuovi modelli, e che la vostra collaborazione sia sempre così affettuosa e numerosa. Da parte nostra vi garantiamo che passeremo ancora giorni e soprattutto notti a sudare per rendere il sito sempre più corposo e, speriamo, 'insostituibile' come qualcuno ci ha scritto.

Per ultime due parole sul CyberScooter CLUB che entra nel secondo anno di attività e che ha portato a livello tangibile le soddisfazioni virtuali del sito. Quasi 100 soci per 9 iniziative lungo oltre 3000 chilometri nella nostra bella penisola sono i numeri del 2001, ora stiamo lavorando ad una stagione ancora più ricca: di amici, chilometri ed abbuffate. Vi aspettiamo, e questa volta in carne, ossa e... scooter!

Buon 2002 a tutti!

Fabrizio Villa

 
 
COPYRIGHT CyberScooter, tutti i diritti riservati, per informazioni e contatti clicca QUI>>>