>> GUIDE UTILI
 



 Come scegliere: 5^ parte
20/05/2011
 · Lo scooter EXTRAURBANO
Leggi anche: lo scooter 'ideale', scooter 'urbano', scooter 'non solo urbano', scooter 'tuttofare',

Utilizzo 30% urbano + 40% extraurbano + 30% autostradale
Dedicato allo scooterista 'evoluto', che dopo una settimana di utilizzo casa-lavoro non si accontenta della classica uscita 'fuoriporta', ma punta ad escursioni più impegnative, con trasferimenti autostradali più importanti. Di conseguenza desidera prestazioni, comfort e dotazioni superiori ai modelli 'tuttofare', mantenendo costi d'acquisto e di gestione inferiori ai modelli 'sport/tourer'.
La fascia di cilindrata ideale supera i 300cc, ma si ferma a 400, per non sforare il limite delle migliori tariffe assicurative, pur offrendo prestazioni sufficienti per viaggiare in autostrada al limite massimo consentito.
Con pesi intorno ai 200kg e velocità massime vicine ai 150km/h richiede un minimo di apprendistato su cilindrate inferiori e ovviamente la patente A (con un'eccezione...).

Ricorda sempre le velocità massime nei vari contesti:
Città: velocità massima 50km/h, limitata a 30km/h (o inferiore) oppure fino a 70km/h ove indicato.
Extraurbano: velocità massima 90Km/h, limitata a 70km/h (o inferiore) oppure fino 110km/h sulle superstrade
Autostrada: velocità massima 130km/h, limitata ove indicato e ridotta di 20km/h in caso di pioggia.



Testo: Fabrizio Villa
Foto: archivio CyberScooter





Honda SW-T 400

 


Piaggio MP£ 400

 


Sym Maxsym 400

TRAGITTO CASA E LAVORO IN SETTIMANA ASPETTANDO WEEK-END E VACANZE PER VIAGGIARE
Schiacciati fra i più economici modelli 'tuttofare' e i più 'prestigiosi' modelli 'sport/tourer', gli scooter 'extraurbani' sono rappresentati (ad oggi) da solo 14 modelli, che poi si riducono ad 8 declinati in differenti configurazioni.
Sono anche abbastanza simili fra di loro, quasi tutti contraddistinti da un'impostazione 'comfort', con cilindrate da 395 a 400cc, potenze da 24 a 28,7kW, pesi da 198 a 231kg, ruote da 13 a 16" e prezzi da 5050 a 7330 Euro. I più originali sono l'Honda SW-T 400 che monta un propulsore bicilindrico solidale al telaio e il Piaggio MP3 con l'esclusiva soluzione a tre ruote basculanti.
Questo l'identikit delle caratteristiche prevalenti:
- amplifica il comfort dei modelli 'tuttofare' offrendo più spazio per pilota, passeggero e bagagli, in ottica turistica, sacrificando un po' di maneggevolezza in ambito urbano.
- la maggior parte di modelli conserva l'impostazione 'feet forward' (che ha lanciato la moda dei maxiscooter), cioè con la possibilità di allungare le gambe per viaggiare in totale relax
- offre prestazioni orientate al turismo, più mirate all'allungo e alla velocità di crociera che allo scatto in accelerazione, del resto il rapporto peso/potenza non consente prestazioni 'piccanti'.
- è un buon 'passista' e in autostrada può viaggiare al limite massimo autostradale senza mettere il motore sotto sforzo e senza richiedere soste troppo frequenti per i rifornimenti di carburante.
- di contro dimensioni e pesi generosi limitano l'agilità nel traffico cittadino, richiedendo un po' di esperienza in più per muoversi disinvolti.
- i vani sottosella possono ospitare quasi sempre due caschi integrali e nel retroscudo uno o più vani alloggiano i piccoli oggetti da tenere a portata di mano.
- quasi tutti i modelli sono offerti in versione 'base' o 'ABS', perché l'utente tipo è più attento alla sicurezza e troviamo anche un modello dotato di tre ruote basculanti, peccato non si possano avere entrambi.
- i consumi dichiarati e quelli medi verificati nelle prove su strada arrivano ai 25km/litro e la maggioranza degli intervalli di manutenzione avviene ogni 10.000km con benefici influssi sui costi di gestione.
- mediamente, qualità costruttiva e dotazioni sono di grande qualità, pur senza arrivare a certe costose sofisticazioni dei modelli 'sport-tourer'.
- rispettano tutti le normative antinquinamento Euro3, tranne il Piaggio MP3 LT, omologato come 'triciclo a motore' e limitato per legge all'Euro2, che offre però il vantaggio di poter essere guidato con la patente B.

Proviamo ora ad identificarli nel dettaglio in base alle loro caratteristiche prevalenti, necessità imprescindibili e costi di gestione.




Peugeot Satelis 400

 


Suzuki Burgman 400

 


Yamaha Majesty 400



Yamaha Majesty 400 ABS

 

>> Selezione per CARATTERISTICHE PREVALENTI
1. Soprattutto sicuro
Quasi tutti i modelli sono realizzati in due versioni, di cui una equipaggiata con frenata antibloccaggio ABS, c'è poi il Piaggio a tre ruote basculanti e dal 2012 si spera di vedere qualche versione che li adotti entrambi. Manca ancora l'utile airbag solidale al veicolo (clicca qui per vederlo in azione) e l'antislittamento della ruota motrice (di cui si può fare a meno, viste le potenze in gioco).
Con l'ABS troviamo: Honda SW-T400 ABS, Peugeot Geopolis 400 Urban, Peugeot Satelis 400 Urban, Suzuki Burgman 400 ABS e Yamaha Majesty 400 ABS.
A tre ruote basculanti il Piaggio MP3 400, disponibile anche in versione LT per chi ha solo la patente B.



Piaggio MP£ 400 LT



Peugeot Geopolis 400

>> Selezione per CARATTERISTICHE PREVALENTI
2. Semplice ed economico
Sono quasi tutti piuttosto ben equipaggiati, offre qualcosa in meno, più che altro a livello di protezione e spazio bagagli il Peugeot Geopolis 400 Premier, che è anche il più economico (5050 Euro) assieme al recentissimo Sym Maxsym 400. Il modello più economico ad offrire l'ABS è sempre il Peugeot Geopolis 400, ma in versione Urban, che monta anche gli ottimi retrovisori asferici per 5500 Euro. Per accedere al primo modello vramente 'comfort' con ABS bisogna però salire ai 5850 Euro del Peugeot Satelis 400 Urban.




Sym Maxsym 400



Honda SW-T 400

>> Selezione per CARATTERISTICHE PREVALENTI
3. Scattante e veloce
Come già accennato, il rapporto peso-potenza non ne fa veicoli particolarmente scattanti, ma con velocità massime molto vicine a qualche 500cc.
Anche in questo caso la maggior parte delle aziende non dichiara accelerazione e velocità massima, del resto i valori peso e potenza massima sono così vicini da far immaginare prestazioni molto simili.
Il più potente, ma anche il più pesante è l'Honda SW-T 400, mentre il rapporto peso-potenza più favorevole, se pur di pochissimo, è appannaggio del Piaggio XEvo 400ie sempre stando ai valori dichiarati (non sempre affidabili).



Piaggio XEvo 400



Peugeot Geopolis 400

>> Selezione per CARATTERISTICHE PREVALENTI
4. Confortevole e protettivo
Confortevoli e protettivi lo sono quasi tutti, con differenze modeste, si fa prima a definire chi lo è meno ovvero il già citato Peugeot Geopolis 400, l'unico senza carenatura integrale, con ruota anteriore da 16 pollici e un'impostazione di guida meno 'seduta'.



Peugeot Satelis 400



Honda SW-T 400

>> Selezione per CARATTERISTICHE PREVALENTI
5. Tecnologico e 'stiloso'
Su tutti svetta l'Honda SW-T 400 che, cilindrata a parte, potrebbe rientrare nella classe degli 'sport-tourer' (come il gemello 600) grazie al propulsore bicilindrico montato solidale al telaio. C'è poi il Piaggio MP3 400 con l'inconfondibile soluzione delle tre ruote basculanti. Yamaha Majesty 400 nasconde sotto le plastiche un bel telaio in alluminio. Suzuki Burgman 400 è l'unico a montare un monoammortizzatore posteriore con leveraggio progressivo e Sym Maxsym 400 vanta la forcella anteriore a doppia piastra assieme alle pinze freno di tipo radiale.




Piaggio MP£ 400



Suzuki Burgman 400

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
1. Sella bassa
Escludendo Sym Maxsym 400 che non la dichiara, a battere tutti è il Suzuki Burgman 400 con soli 710mm, lo scooter dall'impostazione più spiccatamene 'feet-forward'.





Peugeot Satelis 400

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
2. Dimensioni e peso contenuto
Le variazioni fra un modello e l'altro sono piuttosto modeste, qualcosa meglio sembrano fare Peugeot Geopolis e Satelis assieme all'italiano Piaggio XEvo.




Piaggio XEvo 400



Honda SW-T 400

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
3. Ampi vani bagaglio
Anche se quasi tutti offrono spazio per un paio di caschi integrali o una valigia 24/48 ore, i vani più regolari e sfruttabili appartengono ad Honda SW-T e Suzuki Burgman che vantano anche una serie di vani retroscudo particolarmente efficaci.




Suzuki Burgman 400



Peugeot Satelis 400

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
4. Bassa appetibilità ai furti
Sempre seguendo la logica che i modelli meno diffusi sono anche i meno rubati, sarebbe il caso di puntare su Peugeot Geopolis e Satelis oppure sul Piaggio XEvo. Mancano ancora indicazioni sul Sym Maxsym 400, visto che arriverà a giugno.




Piaggio XEvo 400



Honda SW-T 400

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
5. Alta rivendibilità
Senza dubbio Honda SW-T, Suzuki Burgman e Yamaha Majesty, tre modelli che da anni rappresentano l'anima di questo segmento e che vantano una gran quantità di estimatori, ma anche prezzi nettamente superiori ai competitor.




Yamaha Majesty 400



Piaggio MP£ 400 LT

>> Selezione per NECESSITA' IMPRESCINDIBILI
6. Patente B
Se possiedi solo la patente B e vuoi guidare uno scooter superiore a 125cc, puoi scegliere solo il Piaggio MP3 400 in versione LT, omologato come 'triciclo a motore'.




Peugeot Geopolis 400

>> Selezione per COSTI
1. Prezzo d'acquisto
I due modelli più economici sono il Suzuki Geopolis 400 Premier e il Sym Maxsym 400, entrambi a quota 5050 Euro. Se però non si vuole rinunciare all'ABS bisogna aggiungere 450 Euro per il Peugeot Geopolis 400 Urban, ma il primo modello 'comfort' con ABS, il Peugeot Satelis 400 Urban richiede 5850 Euro.
All'opposto troviamo l'Honda SW-T 400 ABS con l'esclusivo motore bicilindrico che richiede 7330 Euro.




Sym Maxsym 400



Peugeot Satelis 400

>> Selezione per COSTI
2. Consumi contenuti
Nella maggior parte dei casi non vengono dichiarati, chi lo fa propone 22km/litro, ma nei nostri test su strada si arriva anche a 25,5km/l effettivi (Peugeot Satelis). In pratica le maggiori differenze dovrebbero dipendere dalla condotta di guida più che dal modello, anche se l'Honda bicilindrico, che è anche il più pesante, dovrebbe consumare qualcosa in più.



Honda SW-T 400



Piaggio XEvo 400

>> Selezione per COSTI
3. Tagliandi poco frequenti
Peugeot, Piaggio e Yamaha richiedono una visita in officina ogni 10.000km, Honda e Suzuki ogni 6000 e Sym ancora non lo dichiara (si spero più dei 4.000km richiesti dai modelli di cilindrata inferiore).




Yamaha Majesty 400


Riassumendo
1. Seleziona i parametri che ritieni più importanti e verifica i modelli che si presentano con più frequenza, in questo modo puoi restringere la rosa dei candidati.
2. Approfondisci la conoscenza di questi modelli leggendo i test e le prove della redazione e dei lettori/collaboratori nella sez. Modelli.
3. Visita i concessionari della tua zona per verificare i prezzi effettivi e cerca di effettuare un giro di prova (fondamentale!).
E dopo aver effettuato l'acquisto ed aver percorso un po' di chilometri manda la tua prova da pubblicare su CyberScooter (o semplicemente raccontaci se questa guida ha funzionato!).

 

<<< COME SCEGLIERE
pag 1/6
<<< URBANO
pag 2/6
<<< NON SOLO URBANO
pag 3/6
<<< TUTTOFARE
pag 4/6
SPORT/TOURER
pag 5/6


COPYRIGHT CyberScooter, tutti i diritti riservati, per informazioni e contatti clicca QUI>>>